Slovenia: aboliti con un referendum i matrimoni gay

referendum - votazione generico 1' di lettura 21/12/2015 - La Slovenia ha abrogato con un referendum la legge approvata a marzo che legalizzava il matrimonio gay.

Alla consultazione referendaria di domenica 20 dicembre ha vinto il fronte del no alla legge, con circa il 63% dei votanti che si è espresso a favore dell'abrogazione. Bassa l'affluenza alle urne, poco più del 36% degli aventi diritto. In Slovenia affinchè il referendum sia valido è sufficiente superare la soglia del 20%.

I cittadini sloveni erano stati chiamati a decidere se mantenere o meno la legge approvata la scorso marzo dal Parlamento, che equipara i diritti delle coppie omosessuali a quelli delle coppie eterosessuali, consentendo loro il matrimonio e l'adozione dei bambini. La legge era stata sostenuta dalla maggioranza governativa di centrosinistra, e contestata dai partiti di destra.

Per effetto del referendum tornerà ora in vigore la legge precedente, approvata nel 2006, che permette le unioni civili e l'adozione da parte di coppie gay dei figli di uno dei partner.






Questo è un articolo pubblicato il 21-12-2015 alle 16:54 sul giornale del 22 dicembre 2015 - 2853 letture

In questo articolo si parla di referendum, politica, slovenia, matrimoni gay, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arRY





logoEV