SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Turchia: firmano appello per la pace con i curdi, arrestati docenti universitari

1' di lettura
9079

Recep Tayyp Erdogan

Una ventina di docenti universitari sono stati arrestati in Turchia per aver firmato un appello internazionale per la fine delle violenze contro i curdi nel sud-est del paese.

I fermi, 19 finora, sono stati eseguiti nella provincia nordoccidentale di Kocaeli. Diverse procure hanno aperto fascicoli d'indagine nei confronti degli accademici firmatari della petizione. Sono accusati di incitamento all'odio, terrorismo e insulti contro lo Stato, reato punito dal codice penale turco con la reclusione da uno a cinque anni. Numerosi atenei hanno avviato inoltre indagini interne. L'iniziativa della magistratura è stata avviata dopo che il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva fortemente criticato i firmatari della petizione, definendoli la "quinta colonna" del Pkk.

Oltre mille intellettuali turchi e stranieri, tra cui il linguista e filosofo Noam Chomsky, hanno firmato una petizione in cui si denunciano violazioni dei diritti umani e della legge internazionale commesse dall'esercito nella sua offensiva contro i curdi. I firmatari chiedono al governo di Akara di fermare "il massacro deliberato e la deportazione dei curdi" nella regione e la ripresa dei colloqui di pace.



Recep Tayyp Erdogan

Questo è un articolo pubblicato il 15-01-2016 alle 15:46 sul giornale del 16 gennaio 2016 - 9079 letture