SEI IN > VIVERE ITALIA > POLITICA
articolo

Danimarca: approvata la legge sulla confisca dei beni ai migranti

1' di lettura
4588

Il parlamento danese ha approvato la controversa legge sull'immigrazione che prevede la confisca dei beni ai richiedenti asilo e altre misure per scoraggiare l'ingresso dei migranti nel paese.

Il pacchetto di proposte presentato dal governo di centrodestra è stato approvato a larga maggioranza (81 voti sui 109 presenti), ed ha ottenuto l'appoggio anche dei socialdemocratici, principale partito di opposizione. La legge permette alla polizia di frontiera di perquisire i rifugiati e confiscare beni e somme di denaro superiore alle 10.000 corone danesi ( pari a 1.350 euro), tranne gli oggetti di valore affettivo, come le fedi nuziali. Le misure approvate rendono inoltre più difficili i ricongiungimenti familiari, aumentando da uno a tre anni il tempo necessario per fare richiesta.

Fin dalla sua presentazione a novembre la proposta del governo danese era stata travolta dalle polemiche. Oltre a varie organizzazioni umanitarie come Amnesty International, anche la Commissione Europea e il Consiglio d'Europa avevano avanzato forti critiche contro la legge, paragonata alla confisca dei beni praticata dalla Germania nazista. Critiche che avevano indotto il governo a modificare il disegno di legge, escludendo dalla confisca i beni di valore affettivo e aumentando il tetto minimo, inizialmente fissato a 3mila corone.

Regole simili sono già state introdotte in Svizzera e nelle due regioni tedesche della Baviera e del Baden-Wurttemberg.



Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2016 alle 20:45 sul giornale del 27 gennaio 2016 - 4588 letture