SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Siria: i curdi annunciano l'istituzione di un sistema federale autonomo

2' di lettura
6741

curdi

I curdi siriani hanno annunciato la formazione di un sistema federale autonomo nelle regioni da loro controllate nel nord della Siria.

Il piano per la creazione della nuova entità è stato discusso e approvato dai rappresentanti dei vari gruppi presenti nella regione, in particolare curdi e arabi, riuniti in una conferenza a Rmeilan, nel nordest del paese. I delegati hanno deciso l'istituzione di una regione semi-autonoma, che riunisce i tre cantoni sotto il controllo delle milizie curde Ypg e comprende anche zone a maggioranza araba e turcomanna. Si tratterebbe di un sistema federale e democratico, ma non indipendente dalla Siria. "Il progetto federale è un modello per tutta la Siria", ha detto all'Associated Press un portavoce del Partito dell'Unione Democratica curdo (Pyd).

Il governo siriano ha respinto con forza la dichiarazione, "priva di qualsiasi valore legale", arrivata mentre sono in corso a Ginevra in Svizzera i colloqui di pace mediati dall'Onu tra il governo di Damasco e le opposizioni siriane. Il governo di Damasco "diffida ogni parte dal tentare di minare l'integrità territoriale della Siria e l'unità del suo popolo", ha riferito l'agenzia di stampa statale Sana.

Anche l'Alto Comitato Negoziale (Hnc), che raggruppa i principali gruppi dell'opposizione siriana sostenuti da Stati Uniti e Arabia Saudita, si è espresso contro "qualsiasi tentativo di formare entità, regioni o amministrazioni che usurpino la volontà popolare". Contro la regione autonoma curda si è espresso anche il governo turco, che considera il Pyd un gruppo terrorista legato al Pkk: "Ankara sostiene l’unità nazionale della Siria e non considera valida alcuna iniziativa federale unilaterale”.

La nuova regione, che dovrebbe chiamarsi Rojava, mette assieme le amministrazioni autonome create nel 2014 dal Pyd e dagli altri partiti curdi: circa 25mila kilometri quadrati, divisi tra le enclavi di Kobane e Afrin, nella provincia nord-occidentale di Aleppo, e la zona di Jazira, una lunga striscia di terra lungo la frontiera turca che arriva fino al confine con l'Iraq, nella provincia di Hassakeh.



curdi

Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2016 alle 16:44 sul giornale del 18 marzo 2016 - 6741 letture