Spagna: sciolto il Parlamento, si torna a votare il 26 giugno

Bandiera Spagna 1' di lettura 03/05/2016 - Martedì mattina il re spagnolo Felipe IV ha firmato il decreto per sciogliere le Camere e convocare nuove elezioni per il prossimo 26 giugno.

Quattro mesi non sono bastati alle varie forze politiche per raggiungere un accordo per la formazione del governo, dopo che nessun partito aveva ottenuto la maggioranza assoluta alle elezioni del 20 dicembre. E' la prima volta che succede nei quaranti anni della storia democratica spagnola.

I partiti hanno già da giorni iniziato la campagna elettorale, praticamente sulle stesse posizioni e con gli stessi programmi della scorsa tornata. L'unico cambiamento al momento è rappresentato dalla probabile alleanza di Podemos con Izquierda Unita, una coalizione che potrebbe superare a sinistra il partito socialista.

Secondo tutti i sondaggi, non ci dovrebbero essere grandi cambiamenti rispetto ai risultati di dicembre. L'unico dato che potrebbe cambiare significativamente è quello dell'affluenza: la sfiducia nei partiti e il periodo estivo potrebbero indurre molti elettori a non recarsi alle urne.






Questo è un articolo pubblicato il 03-05-2016 alle 16:19 sul giornale del 04 maggio 2016 - 2023 letture

In questo articolo si parla di politica, Elezioni politiche, spagna, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/awv7





logoEV