Turchia: arrestato il rappresentante di Reporters Sans Frontières per 'propaganda terroristica'

1' di lettura 20/06/2016 - Un tribunale di Istanbul ha deciso l’arresto preventivo del rappresentante di Reporters Sans Frontières in Turchia, Erol Önderoglu, della docente universitaria e presidentessa della Fondazione dei Diritti dell'Uomo (Tihv) Sebnem Korur Fincanci e dello scrittore Ahmet Nesin.

L’accusa è di “propaganda terroristica" a seguito della partecipazione, il mese scorso, a una campagna di solidarietà a favore del quotidiano filo-curdo Ozgur Gundem. Per la stessa ragione sotto inchiesta sono finite altre 36 persone, tra cui giornalisti e attivisti turchi.

La campagna di solidarietà a favore del giornale era iniziata il 3 maggio scorso, in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa. Da allora, 44 giornalisti e attivisti hanno svolto simbolicamente il ruolo di direttore per un giorno. La misura è stata presa in base ad una severissima legge antiterrorismo che va contro la libertà di espressione, ma che il presidente Erdogan rifiuta di modificare.






Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2016 alle 20:43 sul giornale del 21 giugno 2016 - 1664 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, turchia, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aylL





logoEV