Processo Terremerse, Errani assolto nell'appello bis

Vasco Errani 1' di lettura 21/06/2016 - L'ex presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani è stato assolto dall'accusa di falso ideologico nel processo d'appello bis per la vicenda Terremerse.

Confermata quindi la sentenza di primo grado del novembre 2012, in cui l'esponente del Pd era stato assolto perché il fatto non sussiste. Stesso verdetto di assoluzione per i due dirigenti regionali Filomena Terzini e Valtiero Mazzotti, accusati di favoreggiamento. Il procuratore generale aveva chiesto la condanna ad un anno, la stessa pena inflitta dalla Corte d'Appello nel luglio 2014.

La vicenda giudiziaria di Errani inizia nel marzo 2012 quando viene indagato per falso ideologico dalla Procura di Bologna. La vicenda riguarda la presunta irregolarità, denunciata nel 2009 dal quotidiano Il Giornale, di un finanziamento regionale da un milione di euro concesso nel 2006 alla cooperativa Terremerse guidata dal fratello di Vasco Errani, Giovanni. Dopo l'uscita dell'articolo il governatore emiliano invia una relazione scritta alla Procura per dimostrare la regolarità del finanziamento. Errani viene quindi indagato con l'accusa di aver fatto scrivere il falso ai due dirigenti nel documento inviato ai magistrati.

Nel novembre 2012 il processo con rito abbreviato si conclude con l'assoluzione. La sentenza di primo grado viene quindi ribaltata nel 2014 nel processo d'appello: Errani viene condannato a un anno, con pena sospesa. Poche ore dopo la sentenza Errani si dimette da presidente della Regione. Nel luglio 2015 la Corte di Cassazione annulla la condanna disponendo un nuovo processo d'appello.






Questo è un articolo pubblicato il 21-06-2016 alle 17:52 sul giornale del 22 giugno 2016 - 1917 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emilia romagna, marco vitaloni, falso ideologico, Vasco errani, assoluzione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aynJ





logoEV