SEI IN > VIVERE ITALIA > SPORT

articolo
Rio 2016: l'Italia chiude con 28 medaglie, come a Londra 2012. Nono posto nel medagliere

3' di lettura 2065

Rio 2016
Alle Olimpiadi di Rio 2016 terminate domenica l'Italia ha conquistato 28 medaglie (8 d'oro, 12 d'argento, 8 di bronzo), le stesse di quattro anni fa a Londra e una in più rispetto a Pechino 2008.

L'Italia è arrivata nona nel medagliere finale, dominato come sempre dagli Stati Uniti, con 121 medaglie totali (46 d'oro). Il secondo paese per numero di medaglie è la Cina (70), superata però al secondo posto del medagliere dalla Gran Bretagna (67), che ha un oro in più. Grande risultato per i britannici, che sono riusciti a conquistare più medaglie rispetto a quattro anni fa, ai Giochi organizzati in casa.

Quarto posto per la Russia (56), penalizzata dall'assenza per motivi di doping della sua intera squadra di atletica e di molti altri atleti; quinto posto per la Germania, con 42 medaglie. La top ten del medagliere è completata da Giappone (41), Francia (42), Corea del Sud (21), Italia (28) e Australia (29).

Buoni risultati quindi per gli azzurri, in linea con quelli degli ultimi vent'anni: da Atlanta '96 in avanti l'Italia è sempre rimasta sopra le 25 medaglie. La quota di 25 podi era anche uno degli obiettivi fissati alla vigilia dei Giochi dal presidente del Coni Giovanni Malagò: traguardo centrato, così come quello di rimanere nella top ten del medagliere olimpico.

Il bottino più grande è stato ottenuto dai tiratori azzurri: 7 medaglie in totale tra tiro a volo e tiro a segno. Dal tiro sono arrivate quattro medaglie d'oro, la metà di quelle conquistate dall'intera spedizione italiana: Niccolò Campriani nella carabina 10 metri e carabina 50m 3 posizioni, Gabriele Rossetti e Diana Bacosi nello skeet. E i tre argenti di Chiara Cainero sempre nello skeet, Marco Innocenti nel double trap e Giovanni Pellielo nella fossa.

Come da tradizione, un buon numero di medaglie è arrivato dalla scherma, con l'oro di Daniele Garozzo nel fioretto, gli argenti di Elisa Di Francisca nel fioretto e Rossella Fiamingo nella spada e il bronzo della spada maschile a squadre (Fichera, Garozzo, Pizzo, Santarelli).

Quattro podi anche nel nuoto: l'oro di Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero, i due bronzi di Gabriele Detti sempre nei 1500 sl e nei 400 sl e l'argento di Rachele Bruni nella 10 km di fondo. Dalla vasca sono arrivate altre importanti medaglie: la storica doppietta azzurra nella pallanuoto, con l'argento del setterosa e il bronzo della squadra maschile; e le due medaglie nei tuffi, il bronzo di Tania Cagnotto nel trampolino 3m e l'argento della coppia Cagnotto-Dallapè nel sincronizzato.

Poi le forti emozioni arrivate dalla pallavolo, con l'argento della squadra maschile ottenuto in una finale combattuta punto su punto con il Brasile padrone di casa, e la storica prima medaglia italiana nel beach volley, l'argento di Lupo-Nicolai.

Soddisfazioni anche dal ciclismo (oro di Elia Viviani nell'omnium e bronzo di Elisa Longo Borghini nella prova su strada), dal judo (oro per Fabio Basile e argento per Odette Giuffrida), dal canottaggio (bronzi per i due senza e quattro senza) e dalla lotta libera (bronzo per Frank Chamizo).

Decisamente male invece l'atletica azzurra: zero medaglie. Non accadeva da sessant'anni, da Melbourne '56. Nessun podio anche nella boxe, cosa che non succedeva da Atlanta '96.



Rio 2016