SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
Editoriale

Entra in Telegram ed inizia a guadagnare, divertirti e chattare in sicurezza

4' di lettura
3872

Si parla sempre di più di Telegram come di una valida alternativa a WhatsApp. Ma perché cercare un'alternativa se c'è già WhatsApp?
Ecco almeno 10 buone ragioni.

1 - Telegram rende il tuo telefono più veloce
Le foto ed i messaggi rimangono salvati sul server e non sul tuo dispositivo, occupando memoria e rallentandolo. Se si cambia telefono si ritrovano senza fatica tutti i propri messaggi.

2 - Puoi usare Telegram in contemporanea su tutti i dispositivi che vuoi
I tuoi messaggi si sincronizzano istantaneamente tra il tuo cellulare, il tuo tablet, il tuo pc e qualsiasia altro dispositivo tu voglia usare.

3 - Telegram è sicuro
Tutti i messaggi su Telegram sono criptati. I server di Telegram si trovano in paesi diversi, così che nessun governo possa controllarli. È anche possibile creare delle chat che nemmeno passano per i server Telegram in cui i messaggi vengono criptati direttamente da un dispositivo all'altro. Ed è possibile mettere un timer alle proprie conversazioni in modo che si autodistruggano.
Sono funzioni che vanno molto di moda, ma per chi non deve evadere le tasse o tradire il patner non credo siano particolarmente utili.

4 - Telegram ti informa, ti diverte e ti fa risparmiare
Oltre ai tuoi amici e partenti su Telegram puoi trovare anche i canali. Iscrivendosi ad un canale si possono ricevere ogni genere di contenuti. Ad esempio il canale di Vivere Marche informa su quello che succede nella Regione. Si trovano canali di notizie, canali con le migliori offerte del web, canali con immagini e gif divertenti, con belle foto, canali culturali e tutto quello che può venirti in mente.

5 - Su Telegram puoi chattare senza far conoscere il tuo numero di telefono
Puoi scegliere un username e dare quello a chi preferisci non conosca il tuo numero. Puoi anche pubblicare il tuo username sul web senza rischiare che il tuo telefono squilli alle tre del mattino. Senza contare che un username è più facile da ricordare che un numero di telefono.

6 - Su Telegram le emozioni sono più grandi di uno smile
Si chiamano stikers, sono letteralmente degli adesivi che si incollano sulle chat. Servono per esprimere quello che è più difficile scrivere. e per divertirsi. Sono disponibili adesivi di tutti i tipi, divertenti o seri, dedicati alle tue passioni o originali. Io non posso più farne a meno.
Nelle chat di Telegram è possibile anche inserire immagini in movimento come le gif e qualsiasi tipo di file.

7- Su Telegram è permesso sbagliare
Il correttore automatico della tastiera ci fa spesso scrivere le cose più assurde. Con Telegram abbiamo due giorni di tempo da quando mandiamo il nostro messaggio per correggere eventuali errori.

8 - Telegram è aperto
Il codice sorgente dell'applicazione Telegram è libero. Chiunque può prenderlo e realizzare un'applicazione migliore dell'originale. La migliore è senza dubbio Plus Messenger per Android.

9 - Telegram è utile
Puoi chattare con i tuoi contatti, con i tuoi gruppi, puoi iscrivierti ai canali, ma non basta, su Telegram puoi parlare anche con i robot. I Robot sono contatti molto servizievoli che per te sono pronti a fare qualcunque cosa. Qualche esempio: mandarti un promemoria, leggere un ebook, trasformare il testo in voce, abbonarsi ad un feed, Utilizzare twitter, leggere la posta elettronica, giocare a carte (solo o con i tuoi amici, tradurre in tutte le lingue in tempo reale, avvertirti delle telefonate perse, seguire il tracciamento di quel pacco che non vedi l'lora che arrivi, spedire una cartolina con la tua foto, darti il cambio esatto se sei fuori dall'eurozona, consigliarti un buon libro e anche...

10 - ...farti guadagnare.
ProfitRobot ti permette di portare a casa qualche spiccio compiendo piccoli gesti come aprire una pagina web, iscriversi ad un canale o istallando un'app. Basta un click qui per iniziare: https://telegram.me/profitrobot
Forse non diventerai ricco, ma con Telegram certamente ti divertirai di più!





Questo è un editoriale pubblicato il 22-09-2016 alle 08:27 sul giornale del 23 settembre 2016 - 3872 letture