La Cina manda due astronauti in orbita, ci resteranno 30 giorni

1' di lettura 17/10/2016 - Due astronauti cinesi sono partiti lunedì mattina verso l'orbita terrestre a bordo della navicella spaziale Shenzhou 11.

La capsula è decollata alle 7.30 del mattino (l'1.30 in Italia) dal centro di lancio di Jiuquan, nel deserto del Gobi, nel nord della Cina. I due astronauti, il 50enne Jing Haipeng e il 37enne Chen Dong, rimarranno per trenta giorni a bordo del laboratorio spaziale Tiangong 2, portato in orbita nel settembre scorso.

Si tratta della prima missione di lunga durata nella storia dell'Agenzia spaziale cinese. Nella precedente missione del 2013, tre uomini erano rimasti per 15 giorni a bordo del primo laboratorio spaziale cinese, Tiangong 1, lanciato nel 2011.

Nei 30 giorni a bordo di Tiangong 2 i due astronauti effettueranno numerosi test ed esperimenti che serviranno per verificare i progressi raggiunti negli ultimi anni dall'industria spaziale cinese. La missione servirà sopratutto per testare soluzioni da adottare per la futura stazione spaziale permanente che la Cina ha in programma di realizzare entro i primi anni del prossimo decennio. La struttura diventerebbe la seconda stazione orbitale abitata dopo la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), a cui Pechino non ha mai partecipato.






Questo è un articolo pubblicato il 17-10-2016 alle 20:32 sul giornale del 18 ottobre 2016 - 9656 letture

In questo articolo si parla di attualità, cina, spazio, marco vitaloni, stazione spaziale, articolo, atronauti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aCqL





logoEV