Canale di Sicilia: 25 migranti trovati morti su un gommone

barcone 1' di lettura 26/10/2016 - Ennesima tragedia nelle acque del Mediterraneo: 25 migranti sono stati trovati morti sul fondo di un gommone sovraccarico di persone al largo della Libia.

I loro corpi sono stati recuperati nella giornata di martedì dalla nave Bourbon Argos di Medici Senza Frontiere, intervenuta per soccorrere due gommoni alla deriva a 26 miglia dalle coste libiche. Le persone tratte in salvo dalle due imbarcazioni sono in tutto 246. Sul fondo di uno dei due gommoni il personale di Msf ha trovato i corpi di 25 persone, probabilmente morte annegate sotto uno strato di acqua e benzina. Alle operazioni di soccorso ha partecipato anche una nave dell'ong Sea Watch.

Secondo le stime del'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni dall'inizio dell'anno ad oggi sono morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo per arrivare in Europa 3.671 migranti. Un numero di morti superiore a quello dello stesso periodo dello scorso anno (3.175), nonostante gli arrivi via mare siano più che dimezzati: 328mila nei primi dieci mesi del 2016, 689mila nello stesso periodo del 2015.






Questo è un articolo pubblicato il 26-10-2016 alle 17:32 sul giornale del 27 ottobre 2016 - 2700 letture

In questo articolo si parla di cronaca, migranti, libia, Medici Senza Frontiere, naufragio, marco vitaloni, canale di sicilia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aCMg





logoEV