SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Stati Uniti: Fiat Chrysler accusata di aver truccato i dati sulle emissioni

1' di lettura
23536

Fca

L’agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (EPA) ha accusato la casa automobilistica Fiat Chrysler (FCA) di aver truccato i dati sulle emissioni inquinanti di circa 104mila veicoli con motore diesel venduti negli USA a partire dal 2014.

I veicoli coinvolti sono la Jeep Grand Cherokee e la Dodge Ram 1500. Secondo l'EPA l'azienda ha violato il Clean Air Act, la legge federale statunitense sull’inquinamento, installando sui veicoli software in grado di alterare le emissioni di ossidi di azoto durante i test per ottenere i certificati di conformità ambientale. FCA non avrebbe inoltre dichiarato l’esistenza di tali software, come invece prevede a legge. La casa automobilistica rischia ora una multa da 4,6 miliardi di dollari.

FCA in un comunicato ha contestato le accuse e ha detto che "intende collaborare con l’Amministrazione subentrante per presentare i propri argomenti e risolvere la questione in modo corretto ed equo". Dopo la diffusione dlla notizia, le azioni in borsa di Fiat Chrysler hanno perso circa il 16%.

La vicenda ricorda lo scandalo dei motori truccati per falsificare le emissioni che travolse la Volkswagen a fine 2015.



Fca

Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2017 alle 20:12 sul giornale del 13 gennaio 2017 - 23536 letture