Francia: scandalo Fillon, 900 mila euro alla moglie, ma non lavorò in Parlamento, indagati

1' di lettura 01/02/2017 - È bufera sul candidato all’Eliseo François Fillon. Secondo quanto riportato alcuni giorni fa dal settimanale francese “Le Canard Enchainé”, la moglie Penelope avrebbe percepito 900 mila euro come assistente parlamentare.

Secondo quanto risulta per 8 anni, Madame Fillon è stata assunta come assistente parlamentare prima con il marito e poi, quando lui è diventato premier, del suo sostituto. In Francia non esiste infatti un divieto per i deputati di assumere familiari.

Ma il dubbio è che si sia trattato di un lavoro fittizio, infatti non ci sono prove che abbia lavorato come assistente parlamentare: nessuna casella mail dell’Assemblea Nazionale, nessun badge e non è mai stata vista in Parlamento. Dopo una perquisizione nella sede della Camera dei deputati la coppia è stata interrogata. Fillon avrebbe stipendiato anche due dei suoi figli quando era senatore della Sarthe, tra il 2005 e il 2007, per un totale di 84mila euro. Avrebbero svolto un ruolo come “avvocati”, ma da quanto risulta all'epoca dei fatti erano ancora studenti e non avevano alcun titolo professionale.

Fillon e la moglie sono attualmente indagati per appropriazione indebita e abuso di beni sociali.






Questo è un articolo pubblicato il 01-02-2017 alle 15:15 sul giornale del 02 febbraio 2017 - 14231 letture

In questo articolo si parla di politica, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aF1Y