Israele: approvata legge che legalizza gli insediamenti illegali

1' di lettura 07/02/2017 - Lunedì sera il parlamento israeliano ha approvato in via definitiva una legge che permette ai cittadini israeliani di appropriarsi di terreni privati in Cisgiordania senza temere conseguenze legali.

La norma prevede che i proprietari palestinesi dei terreni non potranno opporsi in alcun modo all'esproprio e potranno essere rimborsati con una somma di denaro o un altro pezzo di terra.

La controversa legge ha inoltre valore retroattivo, e permetterà di legalizzare quasi 4mila abitazioni costruite in passato nei territori palestinesi della Cisgiordania occupati militarmente da Israele. Si tratta di insediamenti, quasi tutti di piccole dimensioni, realizzati senza l'autorizzazione dello stato israeliano, che però fornisce loro tutti i servizi di base.

Nelle ultime due settimane il governo di Tel Aviv ha autorizzato la costruzione di oltre 6mila nuove abitazioni destinate ai coloni israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme Est. Nelle colonie israeliane in terra palestinese, considerate illegali dalla comunità internazionale, vivono a oggi circa 550mila persone.






Questo è un articolo pubblicato il 07-02-2017 alle 16:42 sul giornale del 08 febbraio 2017 - 6741 letture

In questo articolo si parla di attualità, palestina, israele, cisgiordania, marco vitaloni, articolo, insediamenti israeliani, colonie illegali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aGb4