Ravenna: assolta in appello Daniela Poggiali, l'infermiera accusata di aver ucciso una paziente

daniela poggiali 1' di lettura 07/07/2017 - La Corte d'appello di Bologna ha assolto perché il fatto non sussiste Daniela Poggiali, l'ex infermiera 45enne accusata di aver ucciso una sua paziente all'ospedale di Lugo, in provincia di Ravenna.

La donna era stata condannata all'ergastolo nel marzo 2016 al termine del processo di primo grado perchè ritenuta responsabile dell'omicidio della 78enne Rosa Calderoni, avvenuto la mattina dell'8 aprile del 2014 all'ospedale Umberto I di Lugo. Secondo l'accusa il decesso venne causato da un'iniezione letale di potassio.

Quella sentenza è stata ora ribaltata in secondo grado, sulla base di una nuova perizia disposta dai giudici d’appello. La Corte d'appello ha anche disposto l'immediata scarcerazione dell'ex infermiera.

La donna era stata condannata nel novembre scorso anche a quattro anni e mezzo di carcere per una serie di furti di denaro avvenuti tra il 2013 e il 2014 all'ospedale di Lugo ai danni di anziani pazienti e dei loro parenti.

Daniela Poggiali è inoltre accusata dalla Procura di Ravenna di una seconda morte sospetta in ospedale, quella del 95enne Massimo Montanari, ex datore di lavore dell'allora convivente della donna, avvenuta il 12 marzo 2014.






Questo è un articolo pubblicato il 07-07-2017 alle 17:35 sul giornale del 08 luglio 2017 - 925 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ospedale, omicidio, ravenna, lugo, marco vitaloni, assoluzione, articolo, daniela poggiali, infermiera killer

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aK3L