Stati Uniti: morto suicida Chester Bennington, leader dei Linkin Park

1' di lettura 20/07/2017 - Chester Bennington, cantante del gruppo rock Linkin Park, si è suicidato nella sua casa di Palos Verdes, nei pressi di Los Angeles, in California.

La notizia, riportata per prima dal sito TMZ, è stata confermata dalla polizia della contea di Los Angeles. Bennington aveva 41 anni. Il suo corpo è stato ritrovato impiccato attorno alle 9 del mattino (ora locale) di giovedì. Era solo in casa, la sua famiglia era fuori città.

Bennington aveva raggiunto il successo come frontman dei Linkin Park nei primi anni Duemila. Il gruppo ha venduto più di 70 milioni di dischi in tutto il mondo e vinto due Grammy Awards. A breve la band avrebbe dovuto iniziare un tour per promuovere il loro ultimo album, uscito a maggio.

Bennington aveva avuto un'adolescenza complicata: ha lottato per anni con la dipendenza da droghe e alcol, e in passato aveva anche raccontato di avere subito molestie sessuali quando era bambino. Era sposato e aveva 6 figli, avuti da due diverse mogli.

Era anche molto amico di Chris Cornell, il cantante dei Soundgarden che si è suicidato lo scorso maggio.






Questo è un articolo pubblicato il 20-07-2017 alle 22:15 sul giornale del 21 luglio 2017 - 1308 letture

In questo articolo si parla di cronaca, musica, suicidio, Stati Uniti, marco vitaloni, articolo, chester bennington, linkin park

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aLrs