Truffa allo Stato, Bossi condannato a 2 anni e 6 mesi

umberto bossi 1' di lettura 24/07/2017 - L'ex leader della Lega Nord Umberto Bossi e l'ex tesoriere del partito Francesco Belsito sono stati condannati rispettivamente a due anni e sei mesi e a quattro anni e dieci mesi di reclusione per truffa ai danni dello Stato.

Il Tribunale di Genova ha inoltre disposto la confisca di 48 milioni di euro alla Lega Nord. La Procura aveva chiesto la condanna a quattro anni per Bossi e a quattro anni e mezzo per Belsito.

La vicenda riguarda i fondi pubblici ottenuti indebitamente dalla Lega tra il 2008 e il 2010 attraverso la presentazione al Parlamento di falsi rendiconti. Parte di quei fondi pubblici sarebbero stati utilizzati per spese personali dalla famiglia Bossi. Il processo di primo grado per l'uso improprio dei fondi del partito si è concluso lo scorso 10 luglio con le condanne di Umberto Bossi, del figlio Renzo e di Belsito.

Condannati per truffa anche gli altri imputati nel processo genovese: i tre ex revisori contabili del Carroccio Diego Sanavio, Antonio Turci e Stefano Aldovisi a 2 anni e 8 mesi e i due imprenditori Paolo Scala e Stefano Bonet a 5 anni. Belsito e i due imprenditori sono stati riconosciuti responsabili anche di riciclaggio per aver portato all'estero, a Cipro e in Tanzania, parte del denaro.






Questo è un articolo pubblicato il 24-07-2017 alle 18:28 sul giornale del 25 luglio 2017 - 645 letture

In questo articolo si parla di cronaca, genova, umberto bossi, lega nord, fondi pubblici, marco vitaloni, francesco belsito, truffa allo stato, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aLyk





logoEV