SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

L'AIFA blocca l'uso dei farmaci a base di ranitidina

1' di lettura
1471

farmacia

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha disposto il divieto d'uso di una serie di farmaci contenenti ranitidina, tra cui uno molto diffuso come il Buscopan Antiacido.

La decisione è stata presa in via precauzionale dopo che la scorsa settimana erano stati tolti dal mercato diversi lotti di Buscopan Antiacido. Il ritiro è stato deciso perchè nei medicinali sono state trovate tracce di una sostanza, denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA), considerata probabilmente cancerogena dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). L'AIFA ha quindi ordinato di non usare fino a nuove comunicazioni i farmaci contenenti il principio attivo ranitidina, prodotto in India presso i Saraca Laboratories.

Questo l'elenco dei farmaci da non usare: Buscopan antiacido, Zantac, Ranidil, Raniben, Ulcex, Ranibloc, Ranitidina Almus, Ranitidina Doc Generici, Ranitidina Eg, Ranitidina Pensa, Ranitidina Alter, Ranitidina Aurobindo, Ranitidina Salf, Ranitidina Tecnigen, Ranitidina Zentiva, Ranitidina Hexal.

La ranitidina è un inibitore della secrezione acida utilizzato nel trattamento dell'ulcera, del reflusso gastroesofageo e del bruciore di stomaco. L'AIFA raccomanda a chi sta utilizzando questi farmaci di consultare prima possibile il proprio medico. Provvedimenti analoghi a quelli presi dall'AIFA sono stati adottati o lo saranno presto negli altri Paesi dell’Unione Europea e in diversi paesi extraeuropei.



farmacia

Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2019 alle 17:30 sul giornale del 25 settembre 2019 - 1471 letture