Stati generali, Conte: ''Voglio un piano concreto''. Centrodestra: ''Non andremo''

2' di lettura 11/06/2020 - Promette un "piano concreto" per "correre", il premier Giuseppe Conte. E prova a sminare gli stati generali, dopo gli attriti nella maggioranza: nega di volersi creare un partito, parla di "condivisione", invita Vittorio Colao ma derubrica a "buono" il suo lavoro e dice che le critiche "ci stanno".

Ma la kermesse parte azzoppata: si inizia sabato e non venerdì perché Silvio Berlusconi non riesce a convincere Matteo Salvini e Giorgia Meloni a partecipare, l'opposizione reputa la sede "non istituzionale" e respinge l'invito. "Si convinceranno che Villa Pamphili è una sede istituzionale", ribatte il premier, persuaso che il forfait sia per l'opposizione difficilmente sostenibile. Ma il dossier ripartenza è assai complesso da dipanare. E da Pd e M5s già parte il pressing per un nuovo decreto in deficit, entro gli inizi di luglio, da almeno 10 miliardi per dare sostegno a settori come scuola, comuni, pmi. "Dobbiamo essere pronti a intervenire", ammette il premier. Il ministro dell'economia Roberto Gualtieri spiega che bisognerà aumentare le risorse al fondo di garanzia sui prestiti e promette cassa integrazione "finchè serve: venerdì ci aspettiamo che gli arretrati vengano pagati". In maggioranza già si discute del possibile nuovo scostamento di bilancio per fare un nuovo decreto in deficit. A chi dal centrodestra lo accusa di fare passerelle, Conte replica: "Con i ministri e i capigruppo di maggioranza, che vedrò nelle prossime ore, prepariamo proposte concrete e condivise. A livello europeo hanno molto apprezzato la predisposizione a elaborare il piano e il fatto che ci siamo messi subito al lavoro per progetti che fanno bene e che ci faranno correre". Si va dal reshoring di competenza del ministro dello Sviluppo economico, a una sorta di business school pubblica proposta dalla ministra della P.a.. Troveranno spazio anche alcune idee della task force di Colao, che lunedì mattina aprirà i tavoli di lavoro illustrando il suo piano: "Ha fatto un buon lavoro, alcune critiche sono normali", dichiara Conte. E annuncia per sabato una giornata di confronto con gli interlocutori internazionali, sulle sfide economiche in un contesto più ampio: gli ospiti vanno da Christine Lagarde (Bce) a Cristalina Georgieva (Fmi), da Ursula Von Der Leyen e Paolo Gentiloni (Commissione), a David Sassoli (Parlamento Ue). Potrebbe esserci anche Visco. Quanto all'opposizione, Fdi, Lega e Fi avrebbero dovuto essere accolti a Villa Pamphili venerdì pomeriggio e invece, in un vertice, scelgono come linea comune di non partecipare.






Questo è un articolo pubblicato il 11-06-2020 alle 01:11 sul giornale del 12 giugno 2020 - 246 letture

In questo articolo si parla di politica, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bnHN


logoEV