SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Gallipoli (LE): La solidarietà della Polizia di Stato; una piccola storia dai grandi valori

1' di lettura
388

Una piccola storia di fine, tribolatissimo anno che ha fatto scattare la macchina della solidarietà all’interno del Commissariato di P.S. di Gallipoli e che ha reso più gratificante l’operato che quotidianamente i poliziotti sono chiamati a svolgere.

Tutto è nato da un intervento che gli agenti della squadra volante hanno effettuato nei giorni scorsi per un tentativo di furto commesso da un giovane in una abitazione di un anziano gallipolino. Gli agenti, durante il sopralluogo, hanno subito percepito il profondo senso di smarrimento e solitudine dell’anziano in quella casa umilissima, e, dopo averlo tranquillizzato per l'accaduto, hanno scambiato con lui qualche chiacchiera.

Proprio conversando, i poliziotti sono venuti a conoscenza del fatto che l’uomo, già da qualche mese era vittima di vessazioni, stupidi scherzi e derisioni da parte di un gruppo di giovani del quartiere. Durante il racconto, interrotto più volte dal nodo in gola per la tristezza e la disperazione derivanti dalla solitudine e dal suo stato, egli ha indicato agli agenti i vetri di una finestra, infranti proprio da quel crudele gruppo di adolescenti. Vetri che lui, da solo, aveva cercato di riparare con del nastro adesivo per mitigare i rigori della stagione invernale.

Terminata l’attività ispettiva per tentato furto, è iniziata quella della solidarietà. Gli agenti, ultimato il turno di servizio e tolta la divisa, in collaborazione con un giovane artigiano della zona, "armati" con i giusti attrezzi, sono tornati a casa dell'anziano e hanno sistemato la finestra danneggiata. All'uomo, visibilmente commosso ed incredulo per l’iniziativa degli agenti, insieme agli auguri per un sereno 2021, sono arrivati dei dolci natalizi e un cesto di viveri di prima necessità. Ovviamente, il tutto, senza dimenticare le indagini per risalire agli autori imbecilli dei soprusi.



Questo è un articolo pubblicato il 31-12-2020 alle 12:14 sul giornale del 02 gennaio 2021 - 388 letture