Telegram approfitta del passo falso di WhatsApp e implementa nuove funzioni

1' di lettura 01/02/2021 - Con la modifica delle regole della privacy da parte di Whatsapp (in vigore dal 15 maggio), molti utenti si sono indispettiti e hanno iniziato una sorta di migrazione verso App concorrenti: Telegram in primis.

Il servizio multipiattaforma di messaggistica istantanea fondato dai fratelli Durov nel 2013, dopo il "passo falso" della leader di Menlo Park, sta infatti iniziando ad implementare nuove funzioni, tra cui la possibilità di importare le conversazioni presenti proprio sulla stessa WhatsApp.

Telegram, con grande audacia, sta conquistando nuove fette di mercato, e, con l'arrivo di nuove funzionalità, sembra voler infliggere una ulteriore mossa vincente approfittando delle ultime defaillances della società statunitense.

Considerando la riluttanza dell'utenza di Whatsapp a voler cambiare app (soprattutto per non perdere l'archivio delle conversazioni in chat con i propri contatti), Telegram ha ben pensato di offrire ai suoi fruitori, una nuova funzione che permetterà di trasbordare facilmente all'interno del servizio, le chat provenienti da WhatsApp.

Per gli utenti Android per esportare una chat basterà aprire WhatsApp, cliccare su uno dei contatti, premere sui tre puntini in verticale (che si trovano vicino all'icona del telefono), selezionare "Altro" e poi "Esporta Chat", quindi cliccare su Telegram.

Per gli utenti Apple invece, la procedura sarà la seguente: dopo aver aperto una chat, sarà sufficiente cliccare in alto (dove si trova l'icona del contatto), selezionare "Esporta Chat" e indicare Telegram come App di destinazione delle conversazioni e dei file scambiati.

Per questa operazione è necessario avere installato le ultime versioni di entrambe le app. Non esiste ancora la possibilità di importare più chat contemporaneamente, ergo, con pazienza, occorrerà "traslocare" una chat alla volta.






Questo è un articolo pubblicato il 01-02-2021 alle 15:40 sul giornale del 02 febbraio 2021 - 220 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bL5e





logoEV
qrcode