La proposta dei ristoratori: "Aperti almeno la sera di San Valentino"

1' di lettura 04/02/2021 - La richiesta di tornare ad aprire a cena arriva oramai da settimane da parte dei ristoratori, soprattutto da chi, con il solo pranzo, consentito in zona gialla, non riesce proprio a far quadrare i conti.

E in vista della serata più romantica dell’anno, (che in questo 2021 capita pure di domenica), arriva una proposta dallo chef stellato Ivano Ricchebono: "Ristoranti aperti almeno a San Valentino".
Ricchebono, 49enne, ristoratore ligure, si fa portavoce dell'intera categoria e lancia un appello: "San Valentino è alle porte. Una festa che normalmente riempie i ristoranti della città e non solo, i tavoli sono sempre da 2, i distanziamenti tanto richiesti ci sono (sempre). Perché non farci aprire e iniziare un vero dialogo con il governo per riaprire una volta per tutte anche a cena?".

La proposta di Ricchebono, genovese, noto anche per la sua partecipazione a "La prova del cuoco", è arrivata mentre i ristoratori (e in generale, i titolari di esercizi pubblici) sono in fermento e chiedono a gran voce di poter tornare ad aprire i propri locali la sera, proprio come accaduto in estate: con limitazioni di orario e di accesso, regole ferree e precauzioni massime, ma comunque liberi di poter accogliere, finalmente, i clienti anche a cena.






Questo è un articolo pubblicato il 04-02-2021 alle 13:39 sul giornale del 05 febbraio 2021 - 189 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMyJ