L'infettivologo Galli sulla variante inglese del coronavirus: "Per il momento vaccini validi"

1' di lettura 12/02/2021 - L'infettivologo Massimo Galli, direttore responsabile del Reparto di Malattie Infettive all'Ospedale "Luigi Sacco" di Milano, dopo l'aumento dell'indice di contagio Rt nazionale e il dato del 17,8% delle infezioni da Covid dovuto alla variante inglese, ha commentato l'evoluzione della pandemia.

“Oramai è evidente che la variante inglese ce l'abbiamo in casa, come era prevedibile. Queste sono forse le considerazioni che ci spingono a vaccinare il più presto possibile e più gente possibile. Anche perché per il momento, per quanto riguarda almeno la variante inglese, il discorso dei vaccini non dovrebbe essere inficiato. Questo sembrerebbe emergere dai primi dati e dalle prime evidenze. Siamo sicuramente in una situazione in cui l'elemento varianti costituisce un problema - ha sottolineato l'infettivologo - nel senso che è qualche cosa di diverso rispetto al momento iniziale di partenza del problema. Diciamo che siamo di fronte a delle realtà che possono imprimere anche una ulteriore accelerazione all'epidemia".

Galli ha spiegato che “stando a ciò che dicono gli esperti inglesi, i primi riscontri confermano che la variante si trasmette più velocemente tra i più giovani. Varie evidenze vanno in questa direzione. Queste varianti potrebbero avere una maggiore facilità di interazione con i ricettori e potrebbero dunque contagiare anche i bambini". Se tutto ciò dovesse essere avvalorato da un'evoluzione di questo tipo, si tratterebbe di un problema: per i ragazzi e i bambini non c’è ancora un vaccino pronto. Quello prodotto da Janssen (Johnson & Johnson) non è ancora stato approvato dagli enti regolari.






Questo è un articolo pubblicato il 12-02-2021 alle 17:21 sul giornale del 13 febbraio 2021 - 6707 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, milano, lombardia, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bNOJ





qrcode