OMS: "la sindrome post-covid può colpire un numero considerevole di pazienti guariti"

1' di lettura 13/02/2021 - Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha sottolineato che una sindrome da "post-Covid" potrebbe riguardare un numero considerevole di pazienti guariti.

Conclusioni giunte al termine di una riunione con medici, pazienti e l’Agenzia Specializzata delle Nazioni Unite. L’obiettivo primario è ora quello di lavorare affinché i medici “possano diagnosticarla e trattarla”, La sindrome post-Covid, viene definita “long Covid”, e porta con sé una serie di sintomi che possono essere anche gravi e persistenti nei pazienti che ne sono affetti.

La sindrome può presentarsi dopo la guarigione con sintomi molteplici: Tosse, febbre, mialgia, dolore alle articolazioni, dispnea, stanchezza, disturbi gastrointestinali, disfunzioni nella capacità di percepire gli odori e il gusto, affanno, dolori al petto e tachicardia. Tutti sintomi che, in molti casi, possono abbassare la qualità di vita del paziente e risultare debilitanti.

I sintomi più ricorrenti segnalati con la “long Covid” sono: stanchezza (53,1%), dispnea (43,4%), dolore alle articolazioni (27,3%), dolore toracico (21,7%), disturbi dell’appetito, del riposo notturno e perdita della massa muscolare. Gli studi aggiornati hanno dimostrato che il sintomo più ricorrente, la stanchezza, è presente in circa l’80% dei pazienti studiati.






Questo è un articolo pubblicato il 13-02-2021 alle 12:13 sul giornale del 15 febbraio 2021 - 427 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bNXx





qrcode