Ricciardi dopo le polemiche sulla richiesta di lockdown nazionale: "Se non sono utile mi faccio da parte"

2' di lettura 15/02/2021 - Walter Ricciardi, il consigliere scientifico napoletano del ministero della Salute, docente universitario, professore ordinario d'Igiene e Medicina Preventiva, risponde alle polemiche scatenate dalle sue dichiarazioni recenti.

"Chiedono le mie dimissioni? Queste sono considerazioni che lascio alla politica. Se posso essere utile al Paese con i miei consigli, lo faccio a livello internazionale e lo faccio anche in Italia: altrimenti mi faccio da parte".

Nella giornata di domenica 14 febbraio, scatenando polemiche su più versanti, aveva dichiarato: "Serve un lockdown totale. Tutte le varianti del virus SarsCov2 sono temibili e ci preoccupano. In particolare quella inglese risulterebbe essere anche lievemente più letale e sta facendo oltre mille morti al giorno in Gran Bretagna. Credo che il ministro della Salute Roberto Speranza sia convinto di questa nuova fase, - aveva dichiarato Ricciardi -spero che il presidente del Consiglio Draghi recepisca e che il governo appoggi, ma dipende dal governo".

Esternazioni che continuano a suscitare da più parti, preoccupazione e contrasti anche in àmbito maggioranza del neonato governo Draghi.

"Ci siamo parlati col ministro della Salute. Non si è pronunciato perché sono decisioni che deve prendere il governo e il presidente del Consiglio. Spero che il presidente recepisca e vada in questa direzione. La strategia del no-Covid, - aveva detto Ricciardi - ci consentirà di tornare alla normalità in mesi, non in anni. Con il ministro sono sempre stato in piena sintonia sul rigore delle misure, ma da settembre non siamo riusciti ad essere impattanti pienamente sulle decisioni del governo, soprattutto perché, il precedente presidente del Consiglio e alcuni ministri, non erano d'accordo sull'adozione di misure così forti".

Il "tutto chiuso e per tutta l'Italia" come energico rimedio a contrasto della pandemia per normalizzare la situazione, sconfiggere le varianti e tracciare i contagi, aveva scatenato le ire di Matteo Salvini che, invitando il consigliere scientifico a non fare terrorismo, lo aveva esortato nel contempo, a parlare con Mario Draghi.






Questo è un articolo pubblicato il 15-02-2021 alle 16:06 sul giornale del 16 febbraio 2021 - 231 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bN0G





qrcode