Governo Draghi: mercoledì 17 febbraio alla prova del Senato

1' di lettura 16/02/2021 - Mario Draghi sta lavorando al suo discorso programmatico in vista della "full immersion" parlamentare per ottenere la fiducia. Mercoledì 17 febbraio sarà al Senato. Il giorno seguente alla Camera.

Il neo premier è impegnato anche nella definizione del resto della squadra, dai capi di gabinetto alla composizione del team vice ministri-sottosegretari. Le fasi iniziali, intanto, sono state contrassegnate dalle polemiche, ma l'ex presidente della Bce sembra concentrato unicamente sulla soluzione dei problemi e sugli impegni imminenti.

Mercoledì 17 febbraio, alle ore 10, il premier terrà il suo discorso programmatico nell'aula del Senato, che verrà poi replicato giovedì alla Camera, alle 11.30. La votazione è prevista entro la serata. Mario Draghi, con un discorso di almeno 20-30 minuti, chiederà in primis, unità e tre riforme. L'appello che lancerà alle forze politiche e al Paese, (come richiesto anche dal Capo dello Stato Sergio Mattarella), sarà quello di affrontare, coesi, la lotta alla pandemia (e alla relativa crisi economica), toccando inoltre, gli altri argomenti nevralgici: le riforme di fisco, giustizia civile e Pubblica Amministrazione, i temi dell'Europa e dell'ambiente, ove il premier proporrà interventi di revisione strutturale connessi anche al Recovery plan.

Sinistra italiana è divisa e il M5S è nella bufera interna, tra "governisti", dissidenti, incerti e "sospettosi". Un gruppo autonomo consistente orientato al "no" e proteso alla spaccatura. Per il momento, gli "avversatori" di Draghi dovrebbero essere 43 al Senato e 52 alla Camera. I sì, almeno 552.






Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2021 alle 15:41 sul giornale del 17 febbraio 2021 - 196 letture

In questo articolo si parla di politica, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bOle





qrcode