SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Promossa la conferenza sul tema "Diamo voce al Diabete 1" per il servizio di volontariato

5' di lettura
169

associazione diabetici di pesaro
Si è tenuto Giovedì 1 Luglio 2021 presso la Sala Conferenza della RSA Tomasello di Pesaro la conferenza promossa dall’Associazione Diabetici di Pesaro sul tema “Diamo Voce al Diabeto 1”.

Ad aprire i lavori il Presidente Paolo Muratori che lascia trapelare la sua emozione per i 33 anni di vita associativa al servizio dei diabetici. “Non ci siamo mai fermati e con impegno abbiamo prestato sevizio volontario quasi continuo al punto vaccinale dell’ospedale di Muraglia per essere vicini ai diabetici,i loro famigliari, e anche agli altri cittadini e fragilità fornendo tutte le informazioni necessarie per il percorso vaccinale e alleggerendo il lavoro del personale socio-sanitario. Stiamo uscendo da un periodo difficile in cui la Pandemia Covid19 ha sottratto energie e risorse a tutte le altre emergenze sanitarie, ed ora grazie all’ampia adesione dei cittadini alla campagna vaccinale, possiamo tornare ad occuparci dei malati cronici come i diabetici che nelle marche sono più di 80.000. In particolare la giornata di oggi vuole dare spazio ai diabetici di tipo 1 causato dalla distruzione su base autoimmunitaria delle cellule beta del pancreas che producono insulina determinando iperglicemia. Malattia che spesso esordisce in epoca infanto-giovanile ma riceve a volte una diagnosi tardiva. La volontà è quella di creare un gruppo e mettere a disposizione parte dellle risorse economiche e l’esperienza di figure professionali volte al sostegno ed all’ascolto delle criticità di questo tipo di diabete.

Perciò l’informazione, la formazione continua ed il sostegno psico-emotivo sono pilastri basilari della nostra vita associativa insieme a tutte le altre attività programmate come passeggiate naturalistiche, corsi di cucina, gita in barca, attività motorie specifiche e campo scuola per diabetici di tipo 1 a Carpegna (PU). Il Dott. Simone Domenico Aspriello Odontoiatra Parodontologo esperto di Medicina Orale chiamato a relazionare dall’associazione, apre la relazione scientifico spiegando come avere un sorriso di successo e mantenere nel tempo in salute la propria dentatura naturale: Il controllo glicemico, l’igiene orale domiciliare costante e appropriata, stile di vita equilibrato e staff competente e specializzato sono punti fondamentali. L’iperglicemia e lo scarso controllo della malattia diabetica, spiega il dott. Aspriello dottore di ricerca in patologie immunometaboliche, degenerative e infettive, determina una alterazione della membrana basale delle ghiandole salivari, l’aumentando il glucosio salivare (>1mg/dl), determinando una riduzione qualitativa(es.Bicarbonati, Lattoferrina, ecc.) e quantitativa della saliva. A breve un innovativo test salivare basato sull’utilizzo della spettroscopia infrarossa in riflettanza totale attenuata (ATR-FTIR) permetterà di misurare e monitorare la glicemia salivare.

La xerostomia insieme all’iperglicemia salivare determina cambiamenti nel microbiota orale e aumenta la suscettibilità alle malattie gengivo parodontali erosioni e carie dentali. L’iperglicemia e lo scarso controllo metabolico determina alterazione della funzione dei granulociti neutrofili, del profilo citochinico nel sangue e nel fluido clevicolare gengivale in modo superiore nel diabete 1 rispetto al diabete 2 (Aspriello et. al. J Periodontal Res. 2011 Apr;46(2):164-9), stress ossidativo, disfunzione endoteliale (Aspriello et al. Inflammation 2016 Apr;39(2):632-42), formazione di prodotti di glicazione (Aspriello et al. J Periodontal Res. 2013 Jun;48(3):293-301) a livello parodontale. Perciò il controllo glicemico è di fondamentale importanza per contrastare le complicazioni oro-parodontali del diabete 1 insieme all’igiene orale quotidiana con la scelta di adeguati (efficaci, precisi e delicati) strumenti per la rimozione del biofilm batterico, per la disinfezione, controlli odontoiatrici periodici e terapie professionali adeguate. Interessanti novità sono lo spazzolino sonico a setole coniche, il probiotico specifico per il cavo orale periobalance e il soft-pick advanced.

Maria Luigia La Corte, dottore in scienze motorie, ha sottolineato come l’esercizio fisico rappresenti un importante misura terapeutica per il mantenimento della sensibilità insulinica e buon controllo metabolico nelle persone affette da diabete essendo il muscolo scheletrico la sede metabolicamente attiva per utilizzare il glucosio e regolarizzare così la glicemia. Inoltre, è ormai risaputo che l’attività fisica fa effetti benefici sui fattori di rischio cardiovascolari che spesso sono presenti in concomitanza alla patologia diabetica. Il metodo Pilates fondato nel 1920 da Joseph Pilates a New York e oggi conosciuto in tutto il mondo, benefico per il corpo e per la mente, è stata proposta come disciplina per i pazienti diabetici. Basato su 6 principi di Respirazione, Concentrazione, Baricentro, Controllo, Fluidità e Precisione, incorpora l’allenamento aerobico in quello di resistenza migliorando i parametri cardiovascolari, l’escursione articolare, la sensibilità insulinica e controllo glicemico, equilibrare l’aspetto emozionale e migliorare la gestione dello stress. Non resta che adoperarsi!!!

A chiusura della conferenza il Dott. Alessandro Patrignani, biologo nutrizionista, ha spiegato come sia importante seguire un’alimentazione, controllata bilanciata e sana per mantenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue. Fondamentale è un corretto apporto alimentare di tutti i nutrienti necessari alla salute dell’organismo, un elevato contenuto di fibre nei pasti per rallentare l’assorbimento dei carboidrati e ridurre il rialzo glicemico. Le fibre inoltre favoriscono attraverso il processo di fermentazione la formazione di acidi grassi a catena corta indispensabili per il benessere intestinale e per mitigare l’azione autoimmune nei confronti delle cellule beta del pancreas. Importante anche per il periodo estivo l’assunzione corretta di frutta: privilegiare quella non matura e ricca di fibre, evitare quella con alto contenuto di fruttosio come banana, fichi, uva, meglio assunta in piccolo porzioni lontane dai pasti principali se già presenti altri carboidrati.



... adp


associazione diabetici di pesaro

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2021 alle 12:20 sul giornale del 07 luglio 2021 - 169 letture