SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Palermo: morto il giudice Alfonso Giordano, fu presidente del maxiprocesso alla mafia

2' di lettura
160

È morto a Palermo, all'età di 92 anni, il magistrato Alfonso Giordano, il giudice che diresse la corte d’assise del maxiprocesso, il primo grande processo italiano alla mafia.

Lo ha annunciato il figlio Stefano, avvocato penalista. Giordano divenne noto all'opinione pubblica, un simbolo della lotta alla mafia, grazie al maxiprocesso iniziato nel 1986, quello in cui per la prima volta venne riconosciuta l'esistenza di Cosa nostra.

Palermitano, Giordano era entrato in magistratura nel 1952 e dopo i primi incarichi in Sardegna era tornato a Palermo nel 1960 da sostituto procuratore. Era stato anche docente di diritto privato alla facoltà di Scienze politiche dell'Università di Palermo.

Passato alla prima sezione civile del Tribunale di Palermo, dopo il rifiuto di numerosi colleghi aveva accettato di presiedere la corte del primo grande processo alla mafia, scaturito dalle inchieste del pool antimafia di cui facevano parte Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Processo che si chiuse oltre un anno dopo con decine di condanne ai boss di Cosa Nostra. Sentenze confermate in gran parte al termine dei tre gradi di giudizio, nel 1992.

Diventato in seguito presidente onorario aggiunto della Cassazione, dopo il pensionamento aveva ricevuto dal Capo dello Stato il titolo di Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica italiana.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, appresa la dolorosa notizia della scomparsa del presidente Alfonso Giordano, "partecipa al dolore dei familiari e della Magistratura italiana, ricordando il suo straordinario impegno di magistrato e di presidente del Maxi Processo contro la criminalità mafiosa, iniziato il 10 febbraio 1986. Il nome del presidente Giordano resta indimenticabile e scritto nella storia di liberazione del nostro paese e della nostra città dalla criminale ipoteca della mafia e dal suo sistema di potere affaristico e politico".

"Accettò con coraggio e spirito di abnegazione un incarico che altri avevano declinato. Alfonso Giordano sarà ricordato per sempre come il presidente del primo maxiprocesso alla mafia, spartiacque nella lotta dello Stato a Cosa Nostra. La Sicilia perde un magistrato di altissimo valore". Così il presidente della Regione Nello Musumeci.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB


Questo è un articolo pubblicato il 12-07-2021 alle 18:33 sul giornale del 13 luglio 2021 - 160 letture