"Sillabario esistenzialista": tra Parise e Boccaccio, tra Camus e Silone, il "Decameron 2000" di Luigi Fenizi

3' di lettura 28/01/2022 - Ventuno racconti brevi, ognuno dal titolo legato ad una delle 21 lettere dell'alfabeto, in preciso ordine (sull'esempio dei celebri "Sillabari" di Goffredo Parise). Ecco l'impianto di base di "Sillabario esistenzialista" (Roma, Scienze e Lettere, 2022, e. 15) ultima fatica di Luigi Fenizi, scrittore e saggista marchigiano (nativo esattamente di Falerone, in Provincia di Fermo) e romano "d'adozione", collaboratore di varie testate periodiche, già noto al pubblico per vari saggi su autori e movimenti "controcorrente", come Silone, Camus, il dissenso sovietico (con speciale attenzione a Varlam Salamov, coi suoi indimenticabili "Racconti di "Kolyma").

Al centro di ognuno dei racconti, l'imprevedibile, altalenante oscillare dei "leit - motiv" della vita umana: l'amore, certo, ma anche la sofferenza, il dolore fisico e morale, il tolstoiano alternarsi di "Guerra e pace", la pirandelliana solitudine degli anziani, l'impegno civile, la "noia" e la "nausea" già "care" agli esistenzialisti, il pavesiano "mestiere di vivere" . Troppi riferimenti,? No, perchè l'Autore - che ha adeguatamente assimilato tutti questi Autori - dipinge un grande affresco della "Condizione umana" in cui si richiama variamente a loro, ma senza mai lasciarsene condizionare. Gli "eroi" e "antieroi" di Fenizi - dal bambino africano che trascina la sua misera esistenza nell'inferno del Biafra fine anni '60 a Faustino, l'anziano portiere d'uno stabile milanese cui è nato un figlio senza una manina, dall'imprenditore italiano che, nella Mosca di Breznev, nel 1976, non cade nella trappola della solita donna sovietica in cerca di marito straniero a Bruno, ragazzo che nell'inverno del 1942, in una città del NordItalia, sfugge alle attenzioni d'un vecchio, quanto acido, mutilato della "Grande guerra" - cercano, come Viktor Frankl, il senso della vita. Nell'amara consapevolezza che a volte, purtroppo, la vita, almeno in certi momenti, si rivela priva di senso; e nell'altra consapevolezza che la storia, spesso, perde la sua "S" maiuscola per ridursi squallidamente .- come già capito, a suo tempo, da autori pur diversissimi tra loro come Friedrich Nietzsche e James Joyce - a "merda e sangue". Ma senza mai perdere, tutti questi personaggi, il richiamo, piu' o meno consapevole, a un "Bisogno assoluto di testimoniare" che ricorda veramente sia Ignazio Silone che Albert Camus.

In questo senso - piu' che nello stretto riferimento all'esistenzialismo novecentesco, che pure non manca - va intesa la connotazione esistenzialista di questo libro di Luigi Fenizi. Che,, con la sua galleria di personaggi in quotidiana lotta per la sopravvivenza, scrive, diremmo, anche un moderno Decameron: che dal grande Boccaccio riprende - anche con sana ironia - l'attenzione soprattutto per l'eterna, tragicomica, altalena della vita.

I racconti sono dedicati, poi, a tre grandi amici scomparsi dell'Autore: Tommaso, amico sin dall'infanzia con cui la vita è risultata ingiusta, Giuseppe Averardi, a lungo deputato e poi senatore del PSDI,giornalista e storico dalla costante ispirazione riformista, e Luciano Pellicani, a lungo direttore di "Mondoperaio", intellettuale tra i piu' lucidi sostenitori delle ragioni del socialismo riformista contro le funeree realtà dei regimi del "Comunismo reale".






Questo è un articolo pubblicato il 28-01-2022 alle 10:03 sul giornale del 29 gennaio 2022 - 175 letture

In questo articolo si parla di cultura, roma, lazio, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHYQ





logoEV
qrcode