SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

L'ASR denuncia: dove maltrattano gli anziani in case di riposo del Lazio? E perchè, in RAI, mancano giubbotti antiproiettile e caschi per i corrispondenti di guerra?

2' di lettura
193

Con 2 distinte note, l' Associazione Stampa Romana interviene su due questioni di essenziale rilievo deontologico e civile per la professione giornalistica.

Con una nota autorizzata dalla Procura di Velletri - informa Giovanni Del Giaccio, coordinatore della Macro Area "Libertà di informare " di ASR - i Carabinieri hanno fatto sapere di aver arrestato 5 persone per maltrattamenti in una casa di riposo "del litorale romano".

"Sappiamo chi ha coordinato l'operazione", prosegue Del Giaccio, "chi l’ha eseguita ma ignoriamo quale sia la struttura nella quale gli anziani venivano picchiati e non siamo in grado quindi di far sapere ai lettori dove avvenivano le vessazioni, né di escludere le case di riposo che invece agiscono nel rispetto delle regole tra Pomezia e Nettuno, territorio di competenza di quella Procura. Comprendiamo la necessità di rispettare la norma Cartabia - sempre più un bavaglio preventivo - da parte di magistrati e forze dell'ordine, però è bene ricordare che si deve contemperare la riservatezza delle indagini con il diritto dovere di cronaca dei giornalisti, quello dei cittadini a essere compiutamente informati e degli imprenditori onesti a non finire in un calderone".

E dalle case di riposo del litorale a Viale Mazzini, Direzione generale RAI. "In teatro di guerra - informa una nota della segreteria di ASR - è fondamentale che gli inviati lavorino in sicurezza e che siano dotati di tutti gli strumenti necessari all’incolumità personale".Ora, "Siamo venuti a conoscenza che in Rai, o almeno in alcune redazioni, non sono disponibili giubbotti antiproiettile e caschi. Questo mette a rischio la partenza e la presenza degli inviati.

Chiediamo alle aziende editoriali, inclusa Rai", conclude la nota di Stampa Romana, "di ovviare con urgenza fornendo a colleghe e colleghi tutti gli strumenti per lavorare in sicurezza e informare così adeguatamente i cittadini".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.


Questo è un articolo pubblicato il 08-03-2022 alle 10:44 sul giornale del 09 marzo 2022 - 193 letture






qrcode