SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Le batterie della Jaguar I-Pace diventano accumulatori di stoccaggio

3' di lettura
105

ROMA (ITALPRESS) – Il team di ingegneri della Jaguar ha lavorato con Pramac per sviluppare un’unità di immagazzinamento dell’energia a zero emissioni, alimentata da batterie esauste della Jaguar I-Pace, prese da prototipi e veicoli di prova.

Chiamata “Off Grid Battery Energy Storage System (ESS)”, la tecnologia di Pramac – che dispone di celle agli ioni di litio provenienti da batterie Jaguar I-PACE, fornisce energia a zero emissioni dove l’accesso alla rete elettrica è limitato o non disponibile. Per dimostrare la sua capacità, l’unità ha aiutato Jaguar TCS Racing a prepararsi per il 2022 ABB FIA Formula E World Championship durante i test nel Regno Unito e in Spagna, dove è stata utilizzata per far funzionare l’attrezzatura diagnostica del team che analizza le prestazioni in pista delle auto da corsa e per fornire energia ausiliaria al garage dei box Jaguar.

Il test della Off Grid Battery ESS da parte di Jaguar TCS Racing, è la dimostrazione del trasferimento ciclico di tecnologia da gara a strada a gara. E l’esperienza di Jaguar TCS Racing ha portato ad avere un aggiornamento software-over-the-air (SOTA) per i clienti di I-PACE che ha fornito un aumento dell’autonomia nel mondo reale fino a 20 km – e ora si stanno valutando ulteriori casi d’uso per la Off Grid Battery ESS intorno al programma della squadra corse che scenderà in pista a Roma il 9 e il 10 aprile. L’ammiraglia del sistema ESS ha una capacità fino a 125kWh – più che sufficiente per caricare completamente il pluripremiato SUV completamente elettrico I-PACE di Jaguar, o per alimentare una normale casa familiare per una settimana*. Caricata dai pannelli solari, l’unità è una soluzione autonoma che consiste in un sistema di batterie collegato a un convertitore bidirezionale e ai relativi sistemi di gestione del controllo. Disponibili per il noleggio commerciale, le unità sono dotate di connessioni di ricarica per veicoli elettrici (EV) di tipo 2 con controllo dinamico e valutate fino a 22kW AC per consentire la ricarica dei veicoli elettrici.

Trovare una seconda vita per le batterie, dopo che sono state rimosse dai veicoli, può evitare il riciclaggio prematuro e contribuire a creare una fornitura sicura di materiali rari. Ad esempio, la batteria agli ioni di litio da 90 kWh all’avanguardia della Jaguar I-PACE, offre fino a 470 km/ 292 miglia di autonomia (ciclo WLTP), e con 400 CV e 696 Nm di coppia istantanea consente un’accelerazione da 0-60 miglia in soli 4,5 secondi (0-100 km/h in 4,8 secondi). La batteria è stata sviluppata anche per la durata, per abbinare le sue eccezionali prestazioni ed efficienza, e i clienti I-PACE beneficiano di una garanzia della batteria di 8 anni o 100.000 miglia (160.000 km), durante i quali deve mantenere almeno il 70 per cento di stato di salute.

Questa ingegneria avanzata rende la batteria della I-PACE perfetta per applicazioni di seconda e anche terza vita in situazioni di bassa energia, quando la salute della batteria scende al di sotto dei severi requisiti di un veicolo elettrico. Una volta che la batteria arriva alla fine della sua vita utile, è riciclabile al 95%.

Oltre a collaborare con i leader del settore come Pramac, Jaguar TCS Racing ha impegnato il suo futuro a lungo termine nell’era Gen3 della Formula E. Il team aiuterà ulteriormente Jaguar Land Rover a sviluppare nuove tecnologie sostenibili, stabilire nuovi parametri di riferimento nella qualità con i suoi partner e sostenere la rinascita di Jaguar come marchio di lusso completamente elettrico dal 2025.

(ITALPRESS).



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 15-03-2022 alle 16:56 sul giornale del 16 marzo 2022 - 105 letture






qrcode