Processo Eternit bis, Cgil: "I giudici del tribunale di Napoli rendano giustizia ai familiari delle vittime"

1' di lettura 06/04/2022 - "Il presidio di questa mattina (mercoledì 6 aprile) è l'ennesimo segnale di vicinanza ai familiari delle vittime dell'eternit nella nostra regione. La Cgil si è costituita parte civile in questo procedimento perché vogliamo lanciare un messaggio chiaro: le bonifiche sono necessarie per tutelare la salute dei cittadini che abitano nelle aree dove è forte la concentrazione di amianto e la sicurezza di chi lavora in questi siti inquinati che, in Campania, sono molti".

Così il segretario generale Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci, partecipando la mattina di mercoledì 6 aprile al presidio organizzato da Cgil, Uil e associazioni dinanzi al Tribunale di Napoli, dove è attesa in giornata la sentenza del processo Eternit bis. "Siamo qui anche per lanciare un appello alla Regione Campania, alla cui attenzione abbiamo presentato una piattaforma sindacale unitaria, affinché istituisca finalmente un registro dei siti inquinati e uno studio dedicato anche in funzione delle bonifiche stanno interessando l'area ex Italsider di Bagnoli.

Ci aspettiamo - prosegue - che i giudici del tribunale di Napoli confermino le sentenze nei confronti della proprietà svizzera, dando finalmente giustizia ai familiari delle vittime, riportando così al centro del dibattito politico e dell'azione di governo il tema delle bonifiche, ma siamo fiduciosi che la magistratura saprà portare a galla la verità e le responsabilità".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 06-04-2022 alle 15:07 sul giornale del 07 aprile 2022 - 115 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cX4M





logoEV