M5S, Conte: "Grillo padre padrone? No, figura garante resta fondamentale"

1' di lettura 10/08/2022 - (Adnkronos) - Grillo "padre padrone" come dice Di Battista? "No", risponde a La7 Giuseppe Conte, leader M5S.

"La figura del garante - sottolinea l'ex premier - rimane fondamentale, ma poi c'è una filiera ben precisa che determina la linea politica". Sul mantenimento della regola dei due mandati, la voce di Grillo è stata "importante": "Abbiamo discusso di una lieve deroga a quella regola, poi abbiamo trovato una modalità diversa che realizzeremo", ha spiegato Conte "Con Di Battista ho avuto un paio di colloqui lunghi, gli ho spiegato che se oggi dovesse entrare nel Movimento troverà un Movimento diverso, un'architettura statutaria ben precisa e distinzione dei ruoli", ha sottolineato Conte.  Tornare col Pd? "Non è pensabile che ora inizi un balletto Letta-Conte. Il M5S non si presta ai balletti, è una forza politica seria". Dicendo no all'alleanza con il Movimento "il Pd ha fatto una scelta irrazionale e incomprensibile. Ne risponderanno agli elettori", ha proseguito l'ex premier. "Molti elettori Pd mi scrivono, dicendo che voteranno Movimento 5 Stelle". Mani libere al presidente M5S sui capilista? "Assolutamente sì. Nel nuovo statuto c'è la responsabilità politica del leader nella formazione delle liste. Questo si abbina alla consultazione in rete che è una nostra caratteristica".  "I sondaggi fotografano una situazione un po' pregressa. Quando si calcolano gli uninominali non si calcolano le persone che saranno candidate. Lasciateci lavorare", ha detto ancora Conte commentando un'analisi che assegna zero collegi uninominali al M5S.  





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 10-08-2022 alle 22:08 sul giornale del 11 agosto 2022 - 152 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dkvu





logoEV
qrcode