Aborto, pro vita contro Chiara Ferragni: "Da lei fake news"

2' di lettura 24/08/2022 - (Adnkronos) - Dopo il post su Instagram nel quale Chiara Ferragni si è schierata per il diritto all'aborto, attaccando duramente Fratelli d'Italia nelle Marche - partito che secondo l'influencer ostacolerebbe l'interruzione di gravidanza nella regione -, arriva la replica dei 'pro vita' all'imprenditrice.

 "La Ferragni diffonde fake news e parla di temi che non conosce. Da medico posso dire che ad oggi la 194 è applicata in tutto il territorio nazionale per quanto riguarda l'interruzione volontaria della gravidanza. Non c'è donna che non sia riuscita ad abortire, i medici obiettori non costituiscono alcun ostacolo e se si considerano gli aborti farmacologici fai da te e il boom di vendite pillole abortive il drammatico scarto dei bambini non voluti è persino aumentato", commenta il leader del Family Day, Massimo Gandolfini. "Caso mai quella che resta inapplicata è la parte della 194 tesa a prevenire in tutti i modi, tramite i consultori, che la donna scelga per la morte e non per la vita. Non vengono eliminati gli ostacoli che impediscono ad una donna di portare a termine una gravidanza difficile, come prescrive chiaramente la legge. Molte donne, specialmente immigrate, non conoscono la possibilità del parto in anonimato. Tante donne sono lasciate sole e senza sostegni economici e morali. Ci auspichiamo che la regione Marche lavori in questa direzione e che lo faccia anche il governo che uscirà dalle urne perché l'Italia, che conta il tasso di natalità più basso d'Europa, ha bisogno di politiche per la vita e non di seguire i mortiferi slogan di influencer miliardari che parlano senza cognizione di causa", conclude Gandolfini. "È triste e grave che Chiara Ferragni usi i suoi canali social per diffondere fake news sulla possibilità di abortire nelle Marche col solo scopo di attaccare il diritto all’obiezione di coscienza dei medici che restano fedeli alla loro professione e vocazione, ovvero promuovere la vita e non sopprimerla. Non esiste un solo caso di donna marchigiana che, purtroppo, non abbia potuto sopprimere il figlio che portava in grembo e sia stata invece 'costretta' a partorire. Migliaia sono invece le donne che si sentono costrette ad abortire per mancanza di sostegni materiali e morali, mentre vorrebbero portare avanti la gravidanza e dare alla luce la vita che custodiscono. Un problema che la multimilionaria Chiara Ferragni evidentemente non prende minimamente in considerazione, mentre si tratta dell’unica vera discriminazione in corso in Italia". Lo afferma Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia.  





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 24-08-2022 alle 18:23 sul giornale del 25 agosto 2022 - 176 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dmeh





logoEV
qrcode