Caro energia, Salvini: "Armistizio tra partiti". Calenda: "Vediamoci domani"

1' di lettura 28/08/2022 - (Adnkronos) - Sul caro energia "chiedo di convocare un Cdm la prossima settimana e riunire il Parlamento ai primi di settembre.

Propongo ai leader delle forze politiche un armistizio. La politica si fermi, si riunisca e firmi un impegno". Così Matteo Salvini in una conferenza stampa a Corigliano Rossano. "Occorre agire subito, non c'è tempo. C'è chi dice 'aspettiamo dopo le elezioni'. Non si può fare. Aspettare un mese e mezzo è tardi e nel frattempo rischiamo una strage di aziende" dice il leader della Lega. "Meno male. Almeno uno c’è arrivato - commenta Carlo Calenda su Twitter - Dopo quattro giorni di insulti ma c’è arrivato. Chiamatelo armistizio o time out. È la stessa cosa. Vediamoci domani e proviamo a trovare un accordo per evitare il disastro: Enrico Letta, Giorgia Meloni, Giuseppe Conte".  Salvini ha lanciato il 'modello Macron' contro il caro bollette. "La politica dia mandato pieno a Draghi" per adottare una soluzione come quella presa in Francia: "Dare soldi alle imprese" che producono energia "e chiedere che mettano un tetto" al prezzo delle bollette, è la proposta del leader della Lega "Non sono aiuti di Stato, soldi a pioggia. Ma si interviene a monte" direttamente sulle aziende come "Eni, Enel, Ire, Dolomite energia e così via". "Dobbiamo imitare la Francia e stanziare subito 30 miliardi per contenere gli aumenti del gas. Non è debito ma un salvataggio nazionale" dice Salvini.  





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 28-08-2022 alle 17:31 sul giornale del 29 agosto 2022 - 194 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dmJl





logoEV
qrcode