SEI IN > VIVERE ITALIA > SPORT
articolo

Calcio: Walid Cheddira, Marta Bitti: “Tutta Italia si sta accorgendo del suo valore”

3' di lettura
1352

Intervista esclusiva sul talento fresco di convocazione con la Nazionale del Marocco.

“Tutta Italia si sta accorgendo di quello che vale Walid. Sono felicissima di quanto sta ottenendo, se lo merita. Credevo in lui quando era sconosciuto, ossia quando era con me alla Sangiustese; ancor di più adesso”.

Sul bomber marchigiano del Bari (serie B) si è espressa con parole al miele Marta Bitti, attuale addetto stampa del Montegiorgio (serie D), la scorsa stagione responsabile comunicazione dell’Ancona Calcio in Lega Pro. “Walid è un ragazzo eccezionale. Fuori dal campo è anche meglio di come lo vediamo in campo. Una persona squisita. Si vedeva che dentro e fuori dal rettangolo di gioco aveva doti tecniche e umane fuori dal comune. Grande umiltà, grande fame, determinazione e voglia di arrivare. Si è sempre messo all’opera con dedizione e consapevolezza dei propri limiti per lavorarci e per migliorarsi sempre”.

Dopo il periodo in cui siamo stati insieme a Monte San Giusto in serie D, ci siamo sempre continuati a sentire e rispettare. Con Walid ci siamo ritrovati sul campo da avversari (Ancona-Mantova, ndr) e mi ha regalato la sua maglietta che ancora oggi conservo con grande amore. L’ho sentito anche quest’anno prima dell’inizio del campionato, restiamo sempre in contatto. Ci siamo sempre trovati benissimo anche con tutta la sua famiglia: e ancora oggi alla Sangiustese c’è il fratello di Walid, Mohamed, anche lui attaccante. Stamattina mi sono sentita col papà di Walid, Aziz Cheddira, una persona straordinaria”.

IL 'WALO' DEL BARI, LA STORIA DI WALID CHEDDIRA

In molti si chiedono chi sia veramente Walid Cheddira. Nato a Loreto, classe '98, il bomber del Bari ha mosso i suoi primi passi calcistici all'interno del settore giovanile del Loreto Calcio. Il fratello (classe 2003) Mohamed è attualmente un calciatore della Sangiustese, nel campionato regionale di Eccellenza. Walid, dopo la trafila delle giovanili e l’esordio in Promozione ed Eccellenza con la squadra della sua città, passa alla Sangiustese in D. Grazie a ottime performance ottiene la chiamata della blasonata società del Parma Calcio. Il Parma lo manda a fare esperienza prima ad Arezzo, poi a Lecco. Nella stagione successiva si guadagna il posto da titolare col Mantova, sempre in Lega Pro, dove fa registrare 38 presenze condite da 9 reti e 9 rigori procurati. Quindi va a Bari, in prestito, ma stavolta si mette definitivamente in mostra, guadagnando sul campo la promozione in Serie B a suon di giocate (e 7 gol).

Walid ha il doppio passaporto, italiano e marocchino: il padre Aziz, che segue sempre le sue partite in curva, era un calciatore di ottimo livello in Marocco, distinguendosi nella sua nazione per poi trasferirsi in Italia. E a proposito di Italia, l’azzurro Roberto Mancini, marchigiano anche lui, non deve farselo scappare. Il ct del Marocco infatti vorrebbe già convocarlo in Nazionale per due amichevoli a fine mese. Il Marocco disputerà il Mondiale in Qatar, inserito nel girone con Belgio, Canada e Croazia.

Che altro aggiungere… Al buon Walid Cheddira, detto 'Walo' ma anche 'Walino' dagli amici delle Marche, e 'Ualino' (Pasqualino) dai supporters del Bari, auguriamo le migliori fortune professionali. E... Chissà se il marchigiano Roberto Mancini lo porterà presto con sé in Nazionale Azzurra.

Notizia di oggi, lo vedremo ai Mondiali in Qatar 2022 col Marocco.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.


Questo è un articolo pubblicato il 07-09-2022 alle 11:26 sul giornale del 08 settembre 2022 - 1352 letture






qrcode