Migliaia di giovani tornano in piazza con Fridays for Future per lo sciopero del clima

6' di lettura 23/09/2022 - ROMA - È verde l'onda di ragazzi e ragazze partita da piazza della Repubblica, a Roma, diretta ai Fori Imperiali. Il colore sinonimo dell'ambiente è sui volti, sui cartelli e sulle bandiere del corteo dei giovani dei Fridays for Future, che hanno sfilato oggi nella Capitale a sei mesi dall'ultima grande manifestazione per chiedere un cambio netto di rotta verso politiche più ambientaliste.

"Siamo 30mila", dicono gli organizzatori. Un evento che era programmato da tempo e che "per caso", spiegano gli organizzatori, capita giusto a due giorni dalle elezioni. Non sono ammessi infatti i simboli di alcun partito. A partecipare sono soprattutto i giovani dei licei, a migliaia. Un fiume che si perde all'orizzonte quando la massa scende per via Cavour. "Se ci bloccano il futuro noi blocchiamo la città", intonano nelle prime file. Nel megafono un ragazzo dice: "Siamo stufi di governi che si riempiono la bocca di parole come transizione ecologica e poi portano avanti politiche inquinanti, investono in energie fossili". Il 'serpente' si ferma più e più volte nel suo percorso. La musica suona forte dalle casse del camion di testa. Sono perlopiù canzoni per ballare, non c'è niente di politico. Ai manifestanti la scelta piace, e in molti seguono il ritmo, altri saltano e battono le mani. L'atmosfera è di festa ma il messaggio che questo popolo lancia è tutt'altro che felice: "A chi governa vogliamo dire: non rubateci il futuro", spiega uno dei manifestanti. "Si devono adottare politiche per azzerare le emissioni, basta investire sulle fonti fossili", aggiunge un'altra voce dal corte dei Fridays for future. In questa generazione, c'è chi teme veramente la fine, saranno loro ad affrontare le conseguenze dell'emergenza climatica in atto, non chi l'ha causata: "Siccità, desertificazione, eventi climatici estremi cambieranno per sempre il nostro pianeta". Il problema, spiega una ragazza, "è l'egoismo di chi governa che non è capace di fare scelte per le future generazioni". E allora, 'Scegli eco, non ego', suggerisce un cartello. Filippo Sotgiu, uno degli organizzatori dei Fridays for Future, spiega che "chiediamo che il clima sia messo al centro del dibattito pubblico. Purtroppo in questo mese di campagna elettorale il clima non c'è stato. Nonostante il disastro nelle Marche che è stato un disastro climatico. I politici e anche i media -continua l'attivista - hanno deciso di ignorare la stretta correlazione che ci poteva essere tra le soluzioni alla crisi climatica e i problemi che hanno dominato questa campagna elettorale, come la crisi energetica, e l'aumento delle bollette e dei carburanti. Noi abbiamo lanciato tante proposte che aiuterebbero a rispondere a entrambe le cose, come le comunità energetiche, una per Comune, per permettere alla gente di autoprodurre energia. Poi anche il trasporto pubblico gratuito, per dare un'alternativa alle persone al mezzo privato". Insomma, "dobbiamo ricordare alla politica che, chiunque vinca, abbiamo poco tempo - conclude Sotgiu - Questa forse sarà l'ultima legislatura in grado di adottare misure per ridurre le emissioni". Fra i cori intonati dai ragazzi dei Fridays for Future, a Roma, anche uno rivolto alla presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, e non per lusingarla. Il suo è il primo nome di un candidato alle elezioni che si sente durante la manifestazione fino a quel punto concentrata a lanciare un messaggio generale alla politica e a chi governa. Un breve momento più di goliardia che di rabbia che sottolinea però un fatto inoppugnabile: la popolarità della candidata della coalizione di destra non arriva fino a questi giovani scesi in piazza per l'ambiente. "Ha valori lontani da noi, ideali di una altra epoca", spiega un manifestante. "Non crediamo al suo programma ambientale, non si è mai interessata di questi temi", afferma un'altra. C'è chi la chiama "fascista" e chi la teme perché "ci priverà di diritti civili conquistati con lunghe battaglie". "Non troverai nessuno qui disposto a dire due parole positive su di lei", segnala uno dei manifestanti. "Non crediamo alle sue bugie" dice un altro. Una spiegazione a questa avversità prova a darla Marzio Chirico, uno degli organizzatori dei Fridays for Future: "Tra i nostri militanti non c'è nessuno di destra ma questa è una piazza spontanea, c'è un po' di tutto. Anche se la componente maggiore è di sinistra, ci sono sicuramente persone di altri orientamenti politici e anche chi non si interessa. I temi ambientali - aggiunge - dovrebbero stare a cuore a tutti a prescindere dalla bandiera politica. Se ci sono militanti di destra che condividono le nostre idee sono benvenuti, si sentano liberi di venire a parlare con noi". 10MILA IN PIAZZA A MILANO, E STASERA SI REPLICA (Di Michele Bollino) Nel giorno dello sciopero globale per la giustizia climatica, Milano scende in piazza al fianco dei ragazzi di Fridays for Future. Dopo la marcia di questa mattina che, secondo gli organizzatori, ha visto sfilare per le vie di Milano oltre 10mila persone, gli attivisti per il clima si danno appuntamento per il pomeriggio alle ore 18 in Largo Cairoli per una nuova manifestazione "apartitica e senza fini elettorali", a cui hanno aderito, oltre alle sigle ambientaliste, anche i sindacati e numerose realtà dell'associazionismo milanese. Nonostante la lontananza degli attivisti di FFF verso i partiti, più volte ribadita durante la campagna elettorale, la grande partecipazione viene applaudita da una parte della politica. "Politica e cittadini devono essere all'unisono quando si tratta di difendere l'ambiente", dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Massimo De Rosa. "L'ambiente non è mai uscito dalle priorità del M5S. Il nostro simbolo al suo interno riporta l'anno 2050, data in cui l'Europa deve raggiungere l'obiettivo della completa decarbonizzazione. Siamo gli unici interlocutori in grado di guardare al futuro senza mai rimpiangere il passato". Ma il doppio appuntamento è destinato a creare inevitabili disagi in città. Emilio Boccalini, vicepresidente di Taxiblu 02.4040, punta il dito contro "la totale disorganizzazione del Comune di Milano nel gestire gli eventi in città. In una settimana come questa della Moda autorizzare una manifestazione come quella che si è tenuta stamane, con tutto quello che comporta come impatto sulla già provata viabilità, appare francamente azzardato, senza contare che questa sera si giocherà sempre a Milano un'importante partita della Nazionale di calcio". A NAPOLI OCCUPATO IL PORTO Di Nadia Cozzolino È partito da piazza Garibaldi, a Napoli, il corteo organizzato da Fridays for Future in occasione dello sciopero globale per il clima. Gli attivisti hanno occupato il porto di Napoli: "Fuori le grandi navi dalle città - hanno spiegato -. Chiediamo ai governi di inserire tra le priorità lo smantellamento delle grandi navi: 213 navi da crociera del Mediterraneo emettono quanto 4 milioni di automobili. Ecomostri che non devono più circolare né nel Mediterraneo né altrove". A Napoli sono in piazza Fridays For Future, il movimento studentesco e Stop biocidio.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 23-09-2022 alle 15:10 sul giornale del 24 settembre 2022 - 72 letture

In questo articolo si parla di sanità, ambiente, cultura, attualità, lavoro, politica, agenzia, welfare, puglia, economica, hi-tech, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/drAY