Erasmus+, progetti di formazione all’estero per 39 studenti marchigiani

2' di lettura 23/11/2022 - ANCONA - C’è chi ha lavorato in un albergo a Parigi, in una no profit a Dublino, chi in uno zoo in Polonia o in uno studio di comunicazione in Slovenia.

E ancora in librerie, negozi di antiquariato, studi di architettura, musei, officine e laboratori analisi in giro per l'Europa. Sono alcune delle esperienze del progetto Erasmus+, realizzato nell’ambito del Programma di mobilità Vet e coordinato dalla Camera di Commercio delle Marche, vissute dagli studenti delle scuole superiori marchigiane e presentate questa mattina alla Loggia dei Mercanti di Ancona. PROGRAMMA RIVOLTO A TERZE, QUARTE E QUINTE SUPERIORI Il progetto, co-finanziato dalla Commissione europea, ha permesso l’assegnazione di 39 borse Erasmus Vet per lo svolgimento di un’esperienza formativa/lavorativa di mobilità all’estero della durata di un mese per gli studenti iscritti alle terze e quarte classi (borsa di mobilità breve) e di circa tre mesi per gli studenti in uscita dal quinto anno (borsa di mobilità lunga). In particolare sono state assegnate 35 borse ‘brevi’ e quattro ‘lunghe’. “E’ un progetto che ci sta particolarmente a cuore perché valorizza e coltiva le competenze dei più giovani- spiega il presidente di Cciaa Marche Gino Sabatini- e realizza una strategia di internazionalizzazione europea che riguarda in particolare i temi dell’economia green e digitale. E’ un percorso che assomma le componenti di cui i nostri territori hanno bisogno per crescere. Il tema delle competenze oggi è il cardine di ogni possibilità di sviluppo”. TIROCINI IN FRANCIA, IRLANDA, POLONIA, SLOVENIA E SPAGNA Gli studenti partecipanti hanno potuto approfondire ambiti specifici del proprio percorso scolastico, aumentare le competenze nelle lingue straniere, migliorare le proprie prospettive di carriera e rafforzare la propria capacita di confrontarsi con contesti lavorativi esteri. Il tirocinio si è svolto in aziende ed enti a Parigi in Francia, Dublino in Irlanda, Maribor in Slovenia, Siviglia in Spagna e Breslavia in Polonia.Le scuole che hanno partecipato al progetto sono 15: lo ‘Stabili’ e il ‘Mazzocchi-Umberto I’ ad Ascoli Piceno, il ‘Volterra-Elia’ ad Ancona, il ‘Mattei’ a Recanati, il ‘Leonardo Da Vinci’ a Jesi, il ‘Corinaldesi-Padovano’ a Senigallia, il ‘Carlo Urbani’ a Porto Sant’Elpidio, il ‘Da Vinci’ a Civitanova Marche, il ‘Garibaldi’ a Macerata, il ‘Gentili’ a San Ginesio, il ‘G.Varnelli’ a Cingoli, il ‘C.Varano’ a Camerino ed il ‘Marconi’ ed il ‘Mengaroni’ Pesaro. L’iniziativa odierna è stata anche l’occasione per presentare il nuovo bando del progetto che scadrà il 15 dicembre: 51 le borse disponibili a partire dalla prossima primavera.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 23-11-2022 alle 17:26 sul giornale del 24 novembre 2022 - 118 letture

In questo articolo si parla di sanità, ambiente, cultura, lavoro, politica, welfare, economica, hi-tech

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEyI





logoEV