SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Francesca Amadori non concilia: rivuole il lavoro più 2,3 milioni dal colosso di famiglia

1' di lettura
268

FORLI'- Si aperto questa mattina a Forlì con il fallimento del tentativo di conciliazione il processo intanto da Francesca Amadori, contro l'azienda di famiglia, il colosso romagnolo della carne.

La manager, licenziata lo scorso gennaio, con l'accusa di non essersi presentata a lavoro per diverse settimane, chiede non solo di essere reintegrata nel posto dio lavoro, ma anche un risarcimento di 2,3 milioni di euro, sostenendo di essere stata, di fatto, discriminata in quanto donnA. LE ACCUSE DELL'AZIENDA Sull'altro fronte di questa Dinasty del pollame, il gruppo respinge le accuse e ha avanzato una richiesta di risarcimento da 1,5 milioni per danno d'immagine. Il caso è scoppiato ormai quasi un anno fa, con il licenziamento di Francesca Amadori, che nell'azienda di famiglia ricopriva il ruolo di responsabile della comunicazione. Ne seguirono polemiche e accuse reciproche, con l'ex amministratore delegato del gruppo, Francesco Berti, che motivava l'allontanamento della nipote del fondatore in ragione delle assenze dal lavoro, e Francesca Amadori che rispondeva sostenendo che fosse in atto una campagna discriminatoria nei suoi confronti. Una battaglia andata avanti per mesi e approdata oggi nelle aule del tribunale della città romagnola per il primo round, che si è concluso con un mancato accordo e la certezza che il processo andrà avanti.


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 13-12-2022 alle 19:55 sul giornale del 14 dicembre 2022 - 268 letture






qrcode