SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITà

Iran smentisce condanna a morte del calciatore Azadani

1' di lettura 94

(Adnkronos) - Teheran nega che il calciatore Amir Nasr Azadani sia stato condannato a morte per aver partecipato alle proteste di queste settimane.

Sul suo account Twitter, l'ambasciata iraniana a Bogotà, in risposta all'appello del presidente colombiano Gustavo Pedro "a non uccidere" il giocatore, ha scritto: "False le notizie sulla condanna a morte di un calciatore iraniano". E ha denunciato "la guerra ibrida" contro Teheran, con "la campagna di fake news". "Il processo non si è ancora svolto. Pertanto, la notizia della condanna a morte è una pura menzogna", ha dichiarato l'ambasciata, spiegando che Azadani è il quinto imputato in un processo penale per la presunta appartenenza a un gruppo armato che avrebbe ucciso tre agenti di polizia e di sicurezza con armi automatiche. La Federazione internazionale delle associazioni dei calciatori professionisti (Fifpro) ha denunciato oggi in una nota di essere "scioccata e disgustata dalle notizie secondo cui il calciatore professionista Amir Nasr Azadani rischia l'esecuzione in Iran dopo essersi battuto per i diritti delle donne e le libertà fondamentali nel suo Paese. Siamo solidali con Amir e chiediamo l'immediata revoca della sua condanna". Il 26enne ex giocatore del Rah-Ahan, Tractor e Gol-e Rayhan è stato accusato dal regime iraniano di "moharebeh", "inimicizia contro Dio", reato che viene punito con l'impiccagione.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.


da Adnkronos






logoEV
qrcode