SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Messaggi di odio sul web a Liliana Segre, 20 indagati tra cui Chef Rubio

1' di lettura
170

MILANO (ITALPRESS) – Sono venti le persone indagate a Milano, tra cui il noto personaggio televisivo Chef Rubio, per diffamazione a mezzo web, con l’aggravante della discriminazione etnica, razziale e religiosa, nei confronti della senatrice a vita e sopravvissuta ad Auschwitz, Liliana Segre.

Le indagini sono state svolte dai carabinieri della sezione indagini telematiche del Nucleo Investigativo di Milano.

I venti sono titolari di diversi profili anonimi presenti in varie piattaforme social, che da ottobre a dicembre del 2022 avrebbero pubblicato post e commenti diffamatori e antisemiti nei confronti della Segre. L’indagine è partita da denunce sporte dalla stessa senatrice a vita lo scorso 6 dicembre nella caserma dei carabinieri di via Moscova a Milano.

L’identificazione dei profili social anonimi, sottolineano gli inquirenti, si è resa possibile grazie ad un’attività di web patrolling che ha consentito di incrociare le informazioni scandagliate in rete, con dati anagrafici, dell’internet provider e delle banche dati in uso dalle forze di polizia.

Le persone identificate hanno un’età compresa tra i 21 e i 70 anni. Quattro di loro vivono in Calabria, tre in Veneto e nel Lazio. Uno solo è di Milano. Nessuno di loro è militante in contesti organizzati, solo uno, residente a Pietrasanta, ha un precedente per manifestazioni a favore del disciolto Partito Fascista (il classico saluto romano).

Per quanto riguarda la professione delle persone deferite, ci sono assicuratori, agenti di commercio, impiegati, due medici (uno dei quali è un oncologo), un mediatore creditizio, oltre al noto Chef Rubio. – foto agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 27-01-2023 alle 13:31 sul giornale del 28 gennaio 2023 - 170 letture






qrcode