SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Mariupol, Putin in jeep nella città distrutta: "Colpa dei nazisti"

2' di lettura
108

(Adnkronos) - Vladimir Putin in 'tour' a Mariupol. Ha visitato la sala della filarmonica restaurata, dove si sono svolti i processi 'farsa' ai soldati ucraini catturati nell'assedio di Azovstal e poi scambiati con militari russi.

Si è recato nelle case nuove di zecca, fatte costruire dai russi dopo aver raso al suolo e preso il controllo della città portuale che si affaccia sul Mare d'Azov. E ha incontrato i cittadini, scesi in strada di notte, per garantir loro che "andrà tutto bene" e che "dobbiamo iniziare a conoscerci meglio'', perché quello che è successo è stato a causa dei ''nazisti, sono nazisti. La gente per bene non fa queste cose". E' il diario della visita a sorpresa, o ''visita di lavoro'' come l'ha definita il Cremlino, che il presidente russo ha condotto a Mariupol. Città simbolo della resistenza ucraina, caduta in mano russa dopo un sanguinoso assedio. La Mariupol del battaglione Azov, asserragliatosi fino allo sfinimento insieme a parte della popolazione nelle acciaierie Azovstal, in tutto circa 2.600 tra soldati e civili. Ma anche la Mariupol dell'ospedale pediatrico e del reparto di maternità bombardati lo scorso marzo dai russi e che ora, come ha promesso il vice primo ministro Marat Khusnullin a fianco di Putin, verrà ricostruito e ''avrà tutti laboratori più moderni e un'ambulanza''.  Sempre a marzo, la Russia aveva bombardato il teatro di Mariupol dove centinaia di persone si erano rifugiate e dove la parola "bambini" era scritta su due lati dell'edificio prima che venisse colpito. Ora, per i bambini di Mariupol i russi promettono un nuovo parco giochi, come ha potuto constatare Putin esaminando i documenti per la ricostruzione della città. Tutti luoghi che il presidente russo ha visitato ''in parte spontaneamente'' come ha spiegato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Per quella che è stata la sua prima visita nella regione orientale del Donbass dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina, Putin è arrivato in elicottero all'aeroporto di Mariupol. Salvo poi salire su una jeep nera e guidarla lui stesso per i quartieri della città, ''come sapete al presidente piace tanto guidare, lo fa spesso'' ha detto Peskov.  D'altronde ''il viaggio a Mariupol non è stato completamente pianificato", anzi ''è stato in parte spontaneo'', come lo è stato l'incontro con gli abitanti della città che è il più grande bottino della Russia in questa guerra, conquistata nel maggio del 2022. Erano 450mila le persone che vivevano in città prima della guerra. 


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 19-03-2023 alle 16:04 sul giornale del 20 marzo 2023 - 108 letture






qrcode