SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITà

Terni, detenuto si toglie la vita: era stato fermato per omicidio della moglie

1' di lettura 252

(Adnkronos) - Un uomo di 62 anni si è suicidato nel carcere di Terni dove si trovava dopo aver ucciso la moglie a coltellate al culmine di una lite.

L'uomo si è impiccato con le lenzuola legate al tubolare della tenda della finestra della cella detta di 'transito'. Nella notte tra giovedì e venerdì era stato sottoposto a fermo dalla polizia con l'accusa di omicidio volontario. Nelle prime ore della mattina, intorno alle 6.45, uno degli agenti che faceva un giro di controllo ha sentito un rumore e lo ha trovato impiccato. Vani sono stati i soccorsi. "Siamo al 12esimo suicidio nel 2023 di un detenuto nelle carceri italiane, cui aggiungere un appartenente al Corpo di polizia penitenziaria che solo qualche giorno fa si è tolto la vita in Campania. È una carneficina che si ha il dovere di fermare" afferma Gennarino De Fazio, Segretario Generale della Uilpa Polizia Penitenziaria. "Sovraffollamento detentivo, deficienze organizzative, strumentazioni e tecnologie inadeguate e organici carenti in tutte le figure professionali, solo alla Polizia penitenziaria mancano 18mila unità, spesso si traducono nell'inflizione di una pena di morte di fatto - aggiunge De Fazio - Servono misure emergenziali e parallele riforme strutturali che reingegnerizzino l'architettura dell'esecuzione penale e, in particolare, quella carceraria. Il Governo passi dai proclami ai fatti, non c'è più tempo".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook Telegram di Vivere Italia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereitalia Clicca QUI.


da Adnkronos






logoEV
qrcode