SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Gigliuto (Ist. Piepoli), 'consumatore chiede più informazione da parte istituzioni'

1' di lettura
298

(Adnkronos) - “Abbiamo intervistato un campione rappresentativo di quegli italiani che usano prodotti a tabacco riscaldato a dispetto di quello tradizionale.

Sono emersi chiaramente dagli intervistati i benefici che loro stessi hanno ottenuto: alcuni si sentono meglio, altri vedono migliorati i propri rapporti relazionali con le altre persone. I due terzi degli intervistati non tornerebbe indietro al tabacco tradizionale”. Queste le parole di Livio Gigliuto, Presidente Esecutivo dell’Istituto Piepoli, poco prima di presentare - presso la Sala Civita di Palazzo Generali a Roma- i risultati della ricerca su “Le abitudini e le opinioni dei consumatori adulti di prodotti di tabacco riscaldato”.  “L’altro tema emerso come fondamentale è stato quello dell’informazione - ha proseguito Gigliuto -. Tantissimi di questi consumatori ci hanno confessato il bisogno di avere più dettagli circa i risultati delle ricerche che mettono a confronto le due tipologie di prodotto. In particolare, gli italiani chiedono più attenzione e più studio sulle differenze che intercorrono tra il tabacco tradizionale e quello riscaldato. Coloro che utilizzano quest’ultimo tipo di prodotti affermano che una migliore diffusione di dati aiuterebbe, se non a smettere, sicuramente a dirottare il consumatore verso qualcosa di meno dannoso”. Un ulteriore focus centrale emerso dalla ricerca è il concetto di passaparola che “è lo strumento principale di conoscenza del tabacco riscaldato - ha aggiunto Gigliuto, concludendo che - moltissimi intervistati lo consiglierebbero in primis a chi non riesce a smettere di fumare”.  


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 25-09-2023 alle 09:14 sul giornale del 26 settembre 2023 - 298 letture






qrcode