SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
lancio di agenzia

Ucraina, Londra in pressing su Berlino: "Germania deve dare missili Taurus"

3' di lettura
468

(Adnkronos) - La Germania deve dare missili Taurus all'Ucraina. La Gran Bretagna, che ha inviato soldati in territorio ucraino con incarichi non specificati, è in pressing affinché Berlino fornisca a Kiev i missili a lungo raggio che avrebbero un impatto notevole nella guerra contro la Russia.

 I Taurus, di fabbricazione tedesca, hanno una gittata di circa 500 km, il doppio rispetto alle potenzialità dei missili franco-britannici Storm Shadow già a disposizione delle forze armate ucraine. "Il Regno Unito è stato il primo paese a fornire missili a lungo raggio all'Ucraina, incoraggiamo i nostri alleati a fare lo stesso", le parole di un portavoce di Downing Street al Guardian.  Sulla fornitura dei Taurus, c'è il no del cancelliere Olaf Scholz. I missili, in teoria, potrebbero essere usati per colpire in profondità nel territorio russo, fino a Mosca. "Sono il cancelliere e la mia parola conta", dice Scholz. Il controllo totale sull'uso dei Taurus sarebbe garantito solo con la partecipazione di soldati tedeschi nelle operazioni di lancio: "Questo è totalmente fuori discussione", taglia corto Scholz, escludendo operazioni dei militari tedeschi anche in remoto. "I soldati della Germania in nessun caso e in nessun luogo possono essere collegati agli obiettivi raggiunti da questi sistemi" missilistici.  Più possibilista, sulla carta, la ministra degli Esteri Annalena Baerbock: "Faremo il possibile affinché l'Ucraina si possa difedere e proteggere. Dobbiamo controllare con precisione tutti i mezzi che abbiamo, sulla base del diritto internazionale". La Germania, in realtà, in queste ore deve soprattutto gestire il caso legato alle diffusione di conversazioni tra alti ufficiali intercettate dalla Russia e diffuse online da RT, emittente tv che fa da megafono al Cremlino. Nelle conversazioni durate 38 minuti e risalenti ad un paio di settimane fa, spiccano alcuni passaggi con le parole del generale Ingo Gerhartz, numero 1 della Luftwaffe, l'aeronautica militare. Nell'audio, autentico anche secondo i riscontri provenienti da Berlino, l'alto ufficiale si sofferma sui missili Taurus che, in teoria, potrebbero essere utilizzati per colpire il ponte di Kerch, in Crimea. E si esprime sulla presenza di truppe britanniche in Ucraina per la gestione dei missili Storm Shadow.  "Quando si tratta di pianificare una missione - le parole del comandante - so come fanno gli inglesi. Hanno anche alcuni uomini sul campo. I francesi, invece, no". La Gran Bretagna ha confermato la presenza di "un numero ridotto di elementi" in Ucraina senza però offrire indicazioni specifiche sul ruolo dei militari e sulle funzioni. Nei giorni scorsi, il Canada non ha escluso l'invio di propri militari come istruttori per le forze armate ucraine. In questo quadro, Mosca - attraverso le parole del portavoce del Cremlino Dmitri Peskov - ha colto l'occasione per affermare che le intercettazioni, in particolare, "evidenziano ancora una volta il coinvolgimento diretto dell'intero Occidente nella guerra in Ucraina".  Da segnalare, in queste ore, la frenata del presidente francese Emmanuel Macron. Proprio lui, che una settimana fa aveva prospettato l'ipotesi di inviare soldati in Ucraina, ora aggiusta il tiro e precisa che "rispondendo ad una domanda sull'invio di truppe, ho detto che nulla è escluso". "Ciò non significa che stiamo pianificando di schierare forze francesi in Ucraina nel prossimo futuro. Significa che stiamo aprendo una discussione e stiamo riflettendo su tutto ciò che si può fare per sostenere l'Ucraina", spiega Macron in un'intervista al quotidiano ceco Pravo. "Del resto, sono sempre stato chiaro riguardo alle nostre linee rosse: non combattiamo contro il popolo russo e rifiutiamo la logica dell'escalation", sottolinea il presidente francese.      


Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 04-03-2024 alle 22:31 sul giornale del 05 marzo 2024 - 468 letture



qrcode